I giorni di astinenza necessari per un miglior liquido seminale

 
E-mail Stampa

Sul web le informazioni sul periodo di astinenza per avere più possibilità di fecondare sono contrastanti

spermiogramma-1Se si cercano su Internet informazioni sulla frequenza dei rapporti sessuali e su quanti giorni devono passare tra un’eiaculazione e la successiva per avere un liquido seminale con le migliori caratteristiche possibili si trovano spesso consigli contrastanti. Questo succede spesso anche quando si vanno a paragonare le indicazioni ricevute durante una visita medica specialistica o per l’esecuzione dello spermiogramma nei laboratori. Tutto ciò può creare confusione e smarrimento nella coppia che si appresta a cercare di avere una gravidanza o che sta seguendo un percorso diagnostico e terapeutico per ottenerla.

Per fare chiarezza bisogna forse separare la necessità dell’astinenza sessuale su due piani: quella necessaria per una raccolta del liquido seminale a scopo diagnostico, come per lo spermiogramma, e quella necessaria per avere più probabilità di gravidanza durante il periodo fertile femminile.

Per quanto riguarda una corretta raccolta del liquido seminale per lo spermiogramma, le indicazioni ci arrivano direttamente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, cioè l’Istituzione più autorevole in campo medico-sanitario nel Mondo, che ci indica come periodo necessario di astinenza sessuale prima della raccolta dello sperma da un minimo di due e massimo sette giorni. Per astinenza sessuale si vuol indicare qualsiasi tipo di eiaculazione, sia per rapporto ma anche per masturbazione o spontanea. Un liquido seminale ottenuto in un periodo diverso potrebbe avere delle caratteristiche alterate per cui la risposta dello spermiogramma non essere attendibile e veritiera dello stato abituale di fertilità di quell’uomo.

Indicazioni così precise in realtà valgono solo per la raccolta del liquido seminale, mentre invece per molto tempo, sbagliando, si è imbrigliata la vita sessuale di molte coppie alla ricerca della gravidanza con indicazioni sulla tempistica dei rapporti troppo strette e forse non necessarie ma anzi dannose.

Già gli effetti del sapere di avere problemi di fertilità e degli accertamenti e terapie che spesso devono essere intrapresi possono essere molto pesanti da creare una vera e propria “crisi di infertilità”, in cui la coppia spesso sperimenta ansia, frustrazione, crollo dell’autostima, senso di inadeguatezza e difficoltà interpersonali nel contesto sociale, ma molto spesso insorgono problemi sessuali e conflittualità all’interno della relazione. La sfera della sessualità può essere infatti la più colpita e il sesso perde il suo aspetto piacevole e ricreativo, diventando un dovere finalizzato alla procreazione, anche a causa di indicazioni troppo “strette” ed “invasive” date dal medico.

Rapporti il più frequente possibile o con periodi di pausa di più giorni? La risposta a questa classica domanda è avere rapporti il più liberi possibile con solo qualche indicazione generale. Con una media di 2-3 rapporti a settimana si ha sicuramente una buona probabilità di gravidanza, magari aumentando la frequenza in quella finestra durante il ciclo femminile in cui dovrebbe avvenire l’ovulazione. Anche se si hanno rapporti più frequenti, anche quotidiani, va bene e le probabilità non cambiano in negativo, soprattutto se l’uomo non presenta alterazioni specifiche allo spermiogramma. Sicuramente però lunghi periodi di astinenza non aiutano, anzi in alcuni casi la qualità degli spermatozoi potrebbe risentirne, è quindi sono sconsigliati.

Alcune indicazioni più precise potrebbero nascere solo da eventuali alterazioni specifiche che l’andrologo può individuare nell’esame del liquido seminale o negli accertamenti diagnostici, come l’ecografia testicolare e vescicolo-prostatica, a cui l’uomo si sarà eventualmente sottoposto.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Altri Articoli - Andrologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
L'importanza di aumentare i rapporti sessuali nell'infertilità anche nel corso delle terapie.
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI