Il PSA

 
E-mail Stampa PDF

Serve e in quale misura nella diagnostica della prostata?

lo screening del PSAIn Italia si stima che i nuovi casi di tumore prostatico siano circa 9.000/anno con una sopravvivenza media del 70% a 5 anni dalla diagnosi. Tra gli attuali test diagnostici è compreso il dosaggio del PSA (Antigene Prostatico Specifico), una glicoproteina prodotta dalla prostata in condizioni normali e patologiche, benigne e maligne.

Il PSA, pertanto, è un marker organo-specifico, sebbene non tumore-specifico! Per questo, tra gli esperti, è aperta una discussione sull'opportunità di sottoporre tutti gli uomini sopra i 50 anni alla misurazione del PSA, indipendentemente dalla presenza di sintomatologia.

Molti oncologi sono favorevoli, ma la letteratura scientifica in materia è contraddittoria.

Uno studio europeo ha riportato una riduzione della mortalità per carcinoma prostatico fino al 20% grazie allo screening del PSA nella popolazione maschile over50; un contemporaneo ed altrettanto importante studio americano avrebbe dimostrato invece che, data la particolare natura del tumore della prostata, che si espande molto lentamente, spesso il PSA identificherebbe forme che non avrebbero dato segno di sé durante la vita del paziente, quindi lo screening sarebbe associato a un grande numero di trattamenti invasivi inutili e a rischio delle complicanze ad essi associate.

Il test del PSA non sarebbe paragonabile a mammografia, pap test o ricerca del sangue occulto nelle feci per la diagnosi precoce dei tumori mammari, uterini e del colon-retto. Questi test hanno una correlazione chiara con la diminuzione della mortalità. Diverse società scientifiche internazionali sono favorevoli allo screening di popolazione, così come alcuni centri oncologici altamente specializzati che ritengono di poter effettuare, grazie alla diagnosi precoce, interventi più precisi e quindi con un minor rischio di effetti collaterali.

Il PSA è comunque un esame semplice ed economico, ma va eseguito solo se necessario: dopo i 50 anni, se c’è familiarità diretta e quando si soffre di disturbi urinari. In pratica se un nonno, uno zio o un padre hanno avuto il tumore, il controllo del PSA andrebbe eseguito ogni anno tra i 50 e i 70 anni, altrimenti una volta ogni 4 anni.

Poiché i valori di PSA possono aumentare anche per infezioni o infiammazioni, non c’è uno standard oltre il quale si può affermare con certezza la presenza di un carcinoma e, infine, alcuni uomini con tumore prostatico non presentano valori anomali di PSA, quando si riscontrano valori elevati al test sono necessari ulteriori accertamenti, anche invasivi, per giungere a una diagnosi.

Il modo migliore per accertare la presenza di un tumore alla prostata rimane quindi e comunque in prima istanza la visita dall’urologo, che potrà valutare il singolo individuo sulla base dei dati anagrafici, della storia clinica e familiare e di eventuali sintomi riportati dal paziente.

 

Altri Articoli - Andrologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI