Vaccino per il Papilloma? Auspicabile anche per i ragazzi

 
E-mail Stampa PDF

È necessario rivedere le strategie di prevenzione, vaccinando anche i giovani uomini

Papilloma-virusÈ ormai largamente dimostrato che il Papillomavirus umano (HPV) è il responsabile di una tra le più comuni infezioni a trasmissione sessuale sia nella donna che nell’uomo. Si stima infatti che nel mondo il 70-80% degli individui, sia donne che uomini, viene in contatto con il virus nel corso della vita, anche se nel 70-90% dei casi l’infezione è transitoria.La percentuale più alta di infezione da HPV si trova però nei giovani tra i 18 e i 28 anni.

Rischio cancro. Questa infezione è causa non solo della possibile comparsa di condilomi, ma anche in alcuni casi dell’insorgenza di problemi di fertilità e di malattie gravi, come tumori a livello dell’apparato genitale, a livello anale ed orofaringeo.

Solo per donne. Esiste però un vaccino, detto quadrivalente, che è risultato efficace nella prevenzione delle lesioni genitali esterne, i condilomi appunto, e delle lesioni precancerose, cioè quelle che portano poi al cancro, ma è attualmente fortemente consigliato, ed in alcuni casi gratuito, solo per le donne, soprattutto in età adolescenziale. Questo perché molti aspetti riguardanti l’infezione, i rischi connessi ad essa e le strategie di prevenzione e terapia nell’uomo non sono ancora chiari.

E gli uomini? Molti sono quindi gli studi che sono iniziati a livello mondiale per chiarire questi aspetti e per trovare il modo di limitare l’infezione anche nei maschi. Questo lo scopo anche di uno studio italiano, condotto dagli andrologi dell’Università di Roma “Sapienza”, cioè stimare la presenza dell’ HPV in un campione di popolazione di giovani maschi, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, valutandone l’associazione con i fattori di rischio, come rapporti non protetti e numero di partner, e con le manifestazioni cliniche, quali segni di infezione a livello del pene o presenza evidente di condilomi.

Lo studio. Di 150 ragazzi esaminati, 31 sono risultati positivi all’infezione da HPV ed una percentuale decisamente elevata presentava un tipo di infezione da HPV considerato ad alto rischio di trasformazione neoplastica. Dato importante: il 95% dei soggetti positivi aveva avuto rapporti non protetti e con più di un partner. Inoltre, allarma il dato che ben 25 ragazzi tra quelli risultati positivi non presentavano lesioni condilomatose o comunque evidenti, per cui erano totalmente ignari di essere portatori di questa infezione e di poter quindi infettare altre persone attraverso rapporti non protetti.

Nuove strategie di prevenzione. Si rendono necessarie pertanto nuove strategie di prevenzione con l’intento di limitare la diffusione dell’infezione ed i rischi per la salute ad essa correlati, anche negli uomini e soprattutto nei giovani. Per questo potrebbe risultare utile rendere fortemente consigliato il vaccino anche nei maschi, ricordandosi in ogni caso di evitare sempre i rapporti sessuali a rischio o comunque di usare il preservativo dall’inizio del rapporto. Inoltre quando si ha il sospetto di avere un’infezione o di esserne venuti a contatto è bene rivolgersi al medico e fare una visita di controllo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

 

Altri Articoli - Andrologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI