La terapia chirurgica dell’infertiltà maschile

 
E-mail Stampa PDF

Quali terapie e quando è possibile intervenire in caso di problemi andrologici

intervento-chirurgicoAlcune patologie andrologiche, causa di problemi di fertilità, potrebbero essere affrontate attraverso un trattamento chirurgico. Ma in questo caso l’andrologo ha il compito di porre una corretta indicazione all’intervento, valutandone tutti i vantaggi ed i possibili svantaggi, rappresentati da rischi operatori, effetti collaterali dannosi e da un eccessivo ritardo nell’inizio di terapie mediche o di tecniche di fecondazione assistita.

Escludendo gli interventi chirurgici andrologici correttivi o di urgenza, eseguiti per lo più in età infantile o adolescenziale, quali l’orchidopessi per criptorchidismo o per torsione testicolare, le principali procedure chirurgiche per la cura dell’infertilità maschile sono rappresentate da:

1. Correzione chirurgica del varicocele

2. Ricanalizzazioni delle vie seminali ostruite

3. Recupero di spermatozoi per l’utilizzo in tecniche di fecondazione assistita

Ma quando intervenire sul varicocele?

Le motivazioni per indicare un trattamento chirurgico del varicocele sono fondamentalmente: 1) la presenza di alterazioni del liquido seminale ed infertilità; 2) un volume del testicolo colpito ridotto (ipotrofia), anche in relazione al volume dell’altro testicolo (presenza di dismetria significativa), alterazione particolarmente importante nel bambino o nell’adolescente al quale non è possibile far fare lo spermiogramma; 3) la presenza di sintomatologia, quale algia, dolenzia o senso di peso.

Altre importanti indicazioni al trattamento sono la comparsa precoce del varicocele in età prepuberale e la presenza di un varicocele molto voluminoso (dal III grado in poi). Ma bisogna sempre tenere presente come l’età del soggetto, ma soprattutto della partner femminile, superiore ai 37 anni, sia un elemento sfavorevole all’indicazione e alla riuscita dell’intervento.

Mentre cosa comportano le ostruzioni delle vie seminali e su quali si interviene?

Le ostruzioni delle vie seminali possono essere distinte in prossimali e distali, a seconda delle strutture che coinvolgono e dove si potrà intervenire, e provocano generalmente un quadro di assenza di spermatozoi nel liquido seminale o gravissima oligospermia con ipoposia (importante alterazione del numero degli spermatozoi e del volume del liquido seminale). Le prossimali sono quelle che coinvolgono il dotto deferente e l’epididimo, mentre quelle distali coinvolgono i dotti eiaculatori.

Ed infine quali sono le tecniche di recupero degli spermatozoi e quando utilizzarle?

Queste tecniche permettono il recupero di spermatozoi o cellule germinali da utilizzare in tecniche di fecondazione assistita quali la ICSI. Si utilizzano quando vi è un’azoospermia, cioè assenza di spermatozoi nell’eiaculato. In caso di azoospermia ostruttiva, cioè causata da un’ostruzione delle vie seminali non correggibile, è possibile utilizzare qualsiasi tecnica di recupero, sia percutanea, come il citoaspirato testicolare o epididimario, sia open, cioè di intervento diretto sul testicolo, “biopsia testicolare” (MESA, TESE) con ottimi risultati. In presenza invece di azoospermia non ostruttiva, cioè alterata produzione testicolare di spermatozoi, è obbligatorio l’impiego di tecniche open più invasive (TESE, MicroTESE) con minori probabilità di successo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Altri Articoli - Andrologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI