Quando il varicocele ritorna

 
E-mail Stampa PDF

Cosa fare in caso di persistenza o ricomparsa del varicocele dopo l’intervento chirurgico

varicocele-1La causa principale del varicocele recidivo è la presenza di vasi collaterali della vena spermatica interna che permangono o che successivamente all’intervento diventano a loro volta vasi dilatati, ectasici.

Non tutte le varicocelectomie hanno dunque successo. Le recidive dopo un intervento per varicocele sono in realtà tra le complicanze più frequenti. Da studi clinici su grandi casistiche di pazienti, le percentuali di comparsa di recidiva possono riguardare fino al 35% dei casi già trattati. Questa grande variabilità dipende da molti fattori, come il grado e le caratteristiche del varicocele prima dell’intervento e soprattutto dalla tecnica usata (intervento chirurgico classico, in microchirurgia, in laparoscopia e intervento radiologico di scleroembolizzazione) e dall’esperienza dell’operatore, che riveste una grande rilevanza.

È molto importante un corretto follow-up dopo l’intervento, che consiste principalmente nell’effettuare periodiche ecografie testicolari con colorDoppler e in base a questo e alla storia clinica anche altri accertamenti, come lo spermiogramma o i dosaggi degli ormoni sessuali, decisi dal medico.

Anche se le recidive compaiono più spesso entro sei mesi dall’intervento, i controlli devono essere ripetuti anche a distanza di tempo perché può accadere che le recidive non appaiano prima di un anno o anche più tardi, nonostante per esempio un esame ecografico di controllo negativo a sei mesi.

La decisione di eseguire un nuovo intervento su di una recidiva viene presa dal medico in base alla reale necessità, all’età del paziente e alla persistenza di alcuni parametri alterati, come il grado di asimmetria del volume testicolare, la dimensione ed il grado del varicocele ricorrente e la persistenza dell’alterazione del liquido seminale o del dolore testicolare.

La tecnica verrà decisa a seconda della tipologia del primo intervento eseguito e di alcune caratteristiche del varicocele recidivante o persistente. L’intervento di tipo radiologico e quello in microchirurgia sembrerebbero riportare ottimi risultati di riuscita.

Difficile certamente è stabilire come prevenire ed evitare una recidiva di varicocele, in quanto molti sono i fattori scatenanti, alcuni dei quali non valutabili e su cui non si può agire, come la propria predisposizione ad avere vene varicose. Sicuramente è buona norma evitare attività fisica, soprattutto sportiva, che richieda importanti sforzi addominali, come il sollevamento pesi.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

* Per varicocele recidivo si intende la ricomparsa di varicosità con reflusso patologico venoso a carico dei plessi venosi del funicolo spermatico, dopo un transitorio periodo di normalità a seguito di una varicocelectomia.

Mentre per varicocele persistente si intende la persistenza appunto di varicosità con reflusso patologico venoso immediatamente dopo l’intervento.

 

Altri Articoli - Andrologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI