''Un tumore al seno, così ho salvato la mia fertilità''

 
E-mail Stampa

cancro-al-senoLa storia di Stefania, a 30 anni ha crioconservato il tessuto ovarico salvando la fertilità

La scoperta di un tumore al seno, gli esami e l'operazione. Su tutto l'incognita della fertilità che rischia di essere compromessa a causa delle terapie antitumorali. E' questa la storia di Stefania (nome di fantasia), una ragazza di trent'anni che ha deciso di crioconservare il tessuto ovarico in vista di una futura gravidanza, una volta terminate le cure. Vita che Nasce ha deciso di raccontare la sua storia nell'ottica di un'informazione completa sulle possibilità di preservare la propria fertilità, anche a fronte di operazioni e trattamenti particolarmente invasivi.

Stefania, come si è accorta del tumore?

"Negli ultimi mesi dello scorso anno, dopo il morso di un insetto, ho scoperto di avere un tumore al seno. I medici non si sono accorti subito della gravità della situazione, scambiando la sintomatologia per un'infiammazione di un canale linfatico che drenava la mammella. Poco tempo dopo ho fatto una prima ecografia di controllo che ha erroneamente diagnosticato una massa 'benigna' che avrei potuto asportare senza troppa fretta”. Nel corso delle settimane, però, ho sentito la massa modificarsi per forma e consistenza e così, il mese successivo, ho deciso di effettuare una seconda ecografia presso un altro centro che ha evidenziato invece un clamoroso errore medico: il tumore c'era ed era maligno, andava asportato subito. Il nodulo era di tre centimetri e mezzo ed era comparso all'improvviso. Gli specialisti capitolini erano un po’ dubbiosi sull’identificazione del tumore e sugli step da seguire, prima di fare ulteriori accertamenti invasivi, mi sono rivolta allora ad un centro di Milano (INT)".

Con tutte le difficoltà delle terapie antitumorali.

"La chemio pre-operatoria ipotizzata non ha avuto luogo in quanto non avrebbe ridotto la massa in modo significativo ai fini chirurgici. Durante l'intervento è stato asportato il tumore e - in un'unica sessione - è stato inserito l'espansore che permette alla pelle e ai muscoli di accogliere la protesi definitiva che mi verrà impiantata in seguito".

E la fertilità?

"Quella della fertilità non era la mia prima preoccupazione. In quel periodo, però, accompagnavo mia cugina a sostenere alcuni esami che l'avrebbero portata a conservare del materiale ovarico. Dal momento che non potevo essere stimolata, dato che il mio tumore era ormone-responsivo, ho pensato a mia volta di iniziare i primi esami e di partecipare al protocollo sperimentale Fertisave nella sede del Sant'Anna di Torino (l'altra sede è a Bologna). All'epoca, inoltre, ero vicina al termine massimo per l'inizio della chemio e ho saputo molto tardi che per me questa era l'opzione percorribile. Tutto accadde con tempi strettissimi: seppi della possibilità di crioconservare il tessuto ovarico di mercoledì sera e il venerdì della settimana successiva ero in sala operatoria".

Quanti medici le hanno parlato delle tecniche per preservare la fertilità in caso di tumori e cure chemioterapiche?

"Quello che ancora manca è proprio l'informazione rivolta a tutte le donne. Della possibilità di crioconservare il tessuto ovarico mi ha parlato infatti solo un unico medico".

 

 

Altri Articoli - Coppia e Società

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI