maternitacarriera Tra carriera e maternità | Dossier

Pianificare una famiglia è un'impresa sempre più ardua per le giovani coppie italiane. La crisi economica, il precariato e la quasi totale assenza stato sociale per l'infanzia stanno producendo un netto innalzamento dell'età media in cui la coppia decide di formare una famiglia. In pratica, si decide di mettere al mondo un figlio quando ormai può essere troppo tardi. Inoltre, sono le donne a pagare il prezzo più caro della precarietà lavorativa e dell'assenza di stato sociale per l'infanzia. Così, sono costrette a decidere tra la carriera e la maternità. Una scelta difficile che rischia di limitarle in ogni caso sia come donne che come madri.

Senza figli fino a trentacinque anni
Madre e lavoratrice, binomio difficile
Discriminate sul lavoro, le donne rinunciano ai figli
Cinquant'anni e non li dimostra, mezzo secolo di Pillola
Figli dopo i 40, una moda non solo italiana
Fare un figlio? Si decide in base a pressioni sociali e aspetti economici
Congelare gli ovociti, più disponibilità da parte delle donne in carriera
A casa o al lavoro? Il dilemma della mamma italiana





 

 

 

 

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova