Lavoro, i precari scendono in piazza

 
E-mail Stampa PDF

logo9aprileweb-e1299766170473Stagisti, laureati costretti in un call center, giornalisti sottopagati, dottorandi che per sopravvivere si riducono a dar ripetizioni o, peggio, a lavorare in un Mac Donald. Ieri in piazza c'erano proprio tutti: età media, trent'anni. E' lo sconfinato popolo dei "flessibili", i precari. La manifestazione, dal titolo "Il nostro tempo è adesso", ha voluto sollecitare il governo a fare di più per i giovani sul fronte delle politiche del lavoro.

Intervistato da Vita che Nasce, Marco, laureato in lettere con 110 e lode e adesso disoccupato, racconta: "Per anni sono passato da un negozio all'altro, vendevo scarpe, libri, quello che serviva nel negozio del momento. Quasi sempre in nero. La chiamano flessibilità ma è una presa in giro, del mio 110 e lode non interessa nulla a nessuno".

Nel corteo anche i giornalisti. Barbara, con un cartello "Giornalista a cottimo", spiega che "il settore è in crisi ma c'è ancora chi guadagna migliaia di euro al mese e chi va avanti con pochi spiccioli. In una situazione simile, è impossibile informare e - di contro - farsi una vita".

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Maggio 2011 12:38 )  

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna