Sono sicuri gli additivi alimentari?

 
E-mail Stampa

Vengono impiegati per la conservazione dei cibi. Per essere utilizzati, vengono sottoposti a test

additivi-alimentariGli additivi alimentari sono utilizzati nella conservazione dei cibi. Sono attualmente disciplinati da un regolamento emesso dal Ministero della salute DM n° 209 del 27/02/1996, al fine di consentirne un uso adeguato nella preparazione e nella conservazione delle sostanze alimentari.

“Per additivo alimentare si intende qualsiasi sostanza, normalmente non consumata come alimento in quanto tale e non utilizzata come ingrediente tipico degli alimenti, indipendentemente dal fatto di avere un valore nutritivo, aggiunta intenzionalmente ai prodotti alimentari per un fine tecnologico nelle fasi di produzione, di trasformazione, di preparazione, di trattamento, di imballaggio, di trasporto o immagazzinamento degli alimenti, che si possa ragionevolmente presumere diventi, essa stessa o i suoi derivati, un componente di tali alimenti direttamente o indirettamente”.

Quindi gli additivi sono delle sostanze estranee alla normale composizione dell’alimento, aggiunti intenzionalmente dalle industrie alimentari per trarne un beneficio sia dal punto di vista organolettico che di ausilio per tutte le varie fasi della produzione e conservazione dell’alimento.

Con questo decreto è stato inoltre introdotto un sistema di classificazione in cui gli additivi vengono notoriamente contrassegnati con la lettera E seguita da un numero ( E 420 = sorbitolo).

Per poter immettere un nuovo additivo in commercio è necessario superare una serie di test e analisi sia tossicologiche che biochimiche, per arrivare poi a stabilire la D.G.A. che corrisponde alla Dose Giornaliera Accetabile, e cioè la quantità totale di additivo che si ritiene possa essere assunta giornalmente con la dieta senza rischi, viene espressa in mg/kg di peso corporeo/giorno. Una volta che le analisi e le prove tossicologiche hanno eliminato ogni possibile dubbio sull’innocuità del prodotto, questo può essere incluso nella lista positiva degli additivi consentiti.

Negli ultimi 20 anni gli organi preposti si sono dati molto da fare per disciplinare queste sostanze addizionanti, innanzitutto per evitare le frodi alimentari, poi per facilitare il commercio internazionale degli alimenti e infine ovviamente per proteggere la salute del consumatore. Oltre a tutti gli additivi di sintesi, abbiamo tutta una serie di sostanze di origine naturale che possono avere una funzione di conservazione dell’alimento, come ad esempio: il sale, l’aceto, l’olio, lo zucchero e l’alcool.

Questi ultimi vengono impiegati da tempi antichissimi, come il sale. Chiaramente mettere il pesce o la carne sotto sale, vuol dire diminuire il contenuto di acqua presente nell’alimento e quindi ridurre conseguentemente tutte quelle che possono essere le funzioni microbiche all’interno dell’alimento.

La normativa inoltre dispone che l’uso degli additivi non è consentito in alcuni alimenti di largo consumo, come: l’olio vergine di oliva, latte fresco pastorizzato, yogurt al naturale, zucchero, miele e nelle paste alimentari secche.

Alcuni di questi alimenti non hanno bisogno degli additivi in quanto hanno già subito processi e trattamenti che ne hanno prolungato la vita (ad esempio la pastorizzazione nel latte).

I conservanti hanno lo scopo di estendere il periodo di integrità dei prodotti alimentari, proteggendoli dal deterioramenti dei microrganismi, fra questi troviamo l’anidride solforosa (E 220) che ad esempio viene utilizzata nella produzione del vino, oppure in altri prodotti quali le marmellate, aranciata, birra o frutta secca. Tra gli altri conservanti più noti abbiamo il lisozima (E 1105) che si usa quasi esclusivamente per il grana padano, l’anidride carbonica (E 290), e l’acido acetico (E260) usato per la panificazione.

Rivestono inoltre un ruolo importante i nitriti e nitrati che sono ammessi esclusivamente nella produzione di insaccati, prosciutti, wurstel, mortadella, carni in scatola. Sono utilizzati per, mantenere il colore rosso della carne, favorire lo sviluppo dell’aroma, e infine svolgono un’ azione antimicrobica e antisettica.

Anche la classe degli antiossidanti ha la funzione di prolungare la “vita” dell’alimento proteggendolo dal deterioramento provocato dall’ossidazione. In questo caso avremo l’acido ascorbico( E 300) usato per la birra, gelatine, confetture, succhi di frutta, lecitine solitamente quella di soia(E 322) usate principalmente nelle industrie dolciarie, ed infine i polifosfati (E 450,451,452) usati per i prodotti a base di carne e nei formaggi freschi.

Ovviamente per tutti questi additivi il regolamento prevede dosi massime consentite (D.G.A.), a cui tutti i produttori e le industrie alimentari devono obbligatoriamente attenersi.

 

Altri Articoli - Nutrizione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI