L’alimentazione corretta è la prima cura dell’infertilità

 
E-mail Stampa

Un’alimentazione ricca di verdure e pesce migliora del 40% i risultati della fecondazione assistita

alimentazione-fertilitaLe abitudini alimentari, lo stile di vita e l’obesità interferiscono e modulano le facoltà riproduttive sia nella donna che nell’uomo. Questa grande correlazione è ad oggi supportata da innumerevoli studi e analisi a conferma del fatto che seguire uno stile alimentare sano, praticare attività fisica e scendere di peso, incrementano e potenziano la possibilità di poter concepire un figlio, anche in età più avanzata.

Ricercatori olandesi dell’Università di Rotterdam hanno nuovamente rivisitato questo aspetto dell’efficacia della dieta nel contrastare l’infertilità attraverso un interessante studio. Dall’ottobre del 2007 all’ottobre del 2010 sono state reclutate 199 coppie che seguivano un trattamento di fecondazione assistita IVF (fecondazione in vitro), oppure attraverso la tecnica ICSI (iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo).

Attraverso i risultati derivanti dai questionari alimentari è stato calcolato un punteggio di rischio preconcezionale (PDR) riferito all’alimentazione che fornisce una stima delle abitudini alimentari delle varie coppie. Questo rischio aumenta in funzione della qualità dello stile alimentare.

Il periodo cosiddetto “preconcezionale”, rappresenta un momento molto importante sia per la donna che per l’uomo, è indispensabile infatti prendersi maggiormente cura di se stessi, cominciando dall’alimentazione, adottando uno stile di vita più sano può permettere alle giovani coppie di avere una maggiore possibilità di concepire, e di avere successivamente una gravidanza più serena.

Per intenderci seguire uno stile di vita più sano vuol dire, smettere di fumare, evitare bevande alcoliche o troppo zuccherate, diminuire l’assunzione giornaliera di caffè, raggiungere un peso ideale in base alla propria altezza attraverso l’adozione di uno stile alimentare cosiddetto “mediterraneo” e intraprendere un costante esercizio fisico (almeno mezzora di camminata al giorno).

Molto spesso la dieta e le abitudini alimentari nel periodo preconcezionale per le coppie che stanno pianificando una gravidanza sono errate.

Il Centro Nutrizionale olandese è un istituzione che intraprende iniziative di salute pubblica per la popolazione di Paesi Bassi. Sulla base delle raccomandazioni nutrizionali per una dieta sana, sono stati elaborati dei questionari per valutare l’assunzione di determinati alimenti, nelle coppie che avevano difficoltà ad intraprendere una gravidanza e che sono quindi in corso di trattamento con la fecondazione assistita. Lo scopo quindi era di stimare quanto la dieta potesse influenzare o meno il successo di una gravidanza.

 

Il questionario fornisce una stima globale della nutrizione di una persona sui principali sei gruppi alimentari.

Le attuali linee guida Olandesi per una sana alimentazione prevedono:

 

• 4 fette di pane integrale al dì,

• cereali,

• l’utilizzo di oli monoinsaturi (olio extravergine di oliva) o polinsaturi,

• più di 200 g di verdura al dì,

• più di 2 porzioni di frutta al giorno,

• più di 3 porzioni di carne a settimana,

• 1 porzione o più di pesce alla settimana.

 

L’analisi dei dati forniti dal questionario, mostra un dato sorprendente, si è visto che all’aumentare del rischio si associa un incremento del 65% di possibilità di intraprendere una gravidanza in seguito a trattamento con IVF/ICSI. Risultati simili si erano precedentemente ottenuti già nel 2010 quando Vujkovic e altri studiosi hanno correlato l’assunzione di uno stile alimentare “mediterraneo”, e la possibilità o meno di portare a termine una gravidanza. Questa dieta comprendeva un elevato consumo di oli monoinsaturi, verdure, pesce, legumi, e basso apporto di snack. La possibilità di intraprendere una gravidanza in risposta all’aderenza ad un modello strettamente “mediterraneo” ha mostrato un aumento pari al 40% in più di probabilità.

A conclusione quindi possiamo affermare che nel periodo preconcezionale è indispensabile per il miglior successo dei trattamenti di fecondazione assistita un adeguato stile alimentare e, se presenti patologie quali diabete, ipertensione, dislipidemie cercare di stabilizzarle attraverso specifici protocolli dietetici, al fine di evitare che queste possano interferire negativamente sulla fertilità della coppia.

 

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI