Consigli alimentari per sopravvivere al gran caldo

 
E-mail Stampa

Le temperature elevate richiedono un’alimentazione più leggera e maggiormente bilanciata

nutrizionePrima “Caronte”, poi “Minosse” ed ecco che con l’arrivo di tutti questi anticicloni sembra di vivere in un perenne “bagno turco”. Ma come combattere il caldo e l’afa quando il nostro modesto ventilatore a tre pale non basta più? La dieta è uno dei punti cardine per aiutare il nostro organismo a tollerare questi forti sbalzi di temperatura. In verità, quando fa molto caldo, la nostra alimentazione non dovrebbe variare molto da quella solita; bisognerebbe infatti effettuare solo dei piccoli accorgimenti che, anche se possono sembrare banali, aiutano il nostro corpo a rimanere sempre idratato. Il caldo porta il nostro corpo a richiedere una considerevole quantità di liquidi per bilanciare l’eccessiva sudorazione, per cui la nostra prima scelta dovrebbe ricadere su alimenti come il latte, la frutta, la verdura, che contribuiscono a idratare l'organismo e a soddisfare la quotidiana richiesta di liquidi, poiché contengono una altissima percentuale di acqua (dall'85% fino al 99%).

Il sudore, che mantiene costante la temperatura del corpo, è composto principalmente da acqua ma contiene anche vari minerali, che è bene reintegrare. Quindi oltre all’acqua bisognerebbe assumere anche altri liquidi come bevande zuccherate che contribuiscono a ricaricare le scorte energetiche, a rinfrescare e a recuperare i liquidi persi a causa di una sudorazione esaltata dalla elevata temperatura ambientale.

È anche vero però che il forte caldo non influisce solo sul nostro corpo, ma anche sulla nostra mente: apatia e pigrizia sono i due più comuni effetti collaterali riscontrati in queste situazioni che ci spingono talvolta a saltare i pasti, a non avere molto appetito e rendono anche molto difficoltosa la digestione. Il lato positivo di tutto ciò è che, inevitabilmente, il nostro istinto ci porta a rifiutare piatti troppo elaborati come ad esempio i fritti e quelli in cui i condimenti si sprecano, che vengono sostituiti da piatti più leggeri e freschi. Risultato? Depurazione, depurazione, depurazione e talvolta anche dimagrimento. Un’ottima soluzione quindi sarebbe quella di associare a frutta e verdura, carni magre, pesce, uova, passati di legumi e minestre tiepide. Per quanto riguarda la scelta delle carni, sarebbe meglio preferire quelle più “pallide” ovvero le carni bianche (pollo, tacchino, coniglio, anatra) in quanto le carni rosse contengono grassi saturi e colesterolo, nocivi per la nostra salute mentre le carni bianche sono costituite da grassi mono e polinsaturi che, al contrario, sono un toccasana per cuore e arterie.

 

 

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI