Come prevenire e diagnosticare la celiachia

 
E-mail Stampa

La celiacsenza_glutinehia è una patologia causata da un’intolleranza permanente al glutine, in particolare ad una sua frazione proteica, la gliadina. Il glutine è un complesso lipoproteico che si può facilmente ritrovare in alcuni cereali: frumento, segale, orzo e farro, mentre il riso e il mais ne sono privi. La celiachia può essere considerata un’anormale risposta immunologica all’ingestione di glutine in persone geneticamente predisposte. Questa determina un’alterazione infiammatoria della mucosa intestinale con conseguente assorbimento scorretto delle sostanze alimentari.

La causa della malattia celiaca ancora non è del tutto precisata. Sembrerebbero coinvolti fattori genetici, ma non sono del tutto esclusi fattori ambientali e per questo spesso viene definita come “malattia multifattoriale”.

La celiachia può insorgere a qualunque età, dall’infanzia alla vecchiaia, e può manifestarsi in forma classica (prevalentemente nei bambini), in forma subclinica (negli adulti ed anziani), o addirittura può decorrere in forma asintomatica (latente).

Oltre ai sintomi classici legati alle diverse forme di insorgenza della malattia (diarrea, vomito, distensione addominale, perdita di peso, ecc), sono presenti una serie di patologie associate, prevalentemente autoimmuni tra cui patologie tiroidee, diabete mellito di tipo 1, sindromi autoimmunitarie, immunodeficienze e dermatiti erpetiformi.

Attualmente si stima che un individuo ogni 100/150 risulta affetto da malattia celiaca e che solo pochi sono consapevoli di esserlo.

L’unica terapia attualmente disponibile per i soggetti celiaci è la totale e permanente esclusione dalla dieta degli alimenti contenenti glutine (dieta gluten-free). Questa non solo permette la scomparsa dei sintomi e delle malattie associate alla celiachia in tempi rapidi (in circa 1-2 mesi dal momento dell’esclusione del glutine), ma previene lo sviluppo delle possibili complicanze (neoplasie e malattie autoimmuni) che l’esposizione continua e prolungata al glutine provoca. L’importanza della dieta rigorosa è dimostrata dal fatto che l’assunzione di glutine, seppur in piccole quantità, anche in assenza di sintomi, è in grado di provocare un danno alla mucosa intestinale. Anche dopo anni di trattamento, il ritorno ad una dieta libera determina la ricomparsa delle lesioni nell’intestino.

Una dieta priva di glutine comporta un notevole cambiamento nello stile di vita dell’individuo, in quanto è necessario celiachiaeliminare dal proprio regime alimentare moltissimi cibi. Molti di questi, infatti, seppur privi di glutine, potrebbero contenerlo sotto forma di additivo o conservante. Risulta opportuno, porre molta attenzione anche a quei prodotti, che pur preparati con ingredienti privi di glutine (riso, mais grano saraceno, soia), potrebbero essere stati prodotti nello stesso ambiente in cui sono state lavorate farine che contengono la sostanza “incriminata”. Il limite massimo di glutine nei prodotti dietoterapici, come suggerito dal Comitato Scientifico dell’AIC, è di 20 ppm. Una dieta equilibrata e sostanzialmente mediterranea, senza glutine, assicura al celiaco un buono stato nutrizionale. L’associazione Italiana Celiachia (AIC), nata nel 1979, pubblica periodicamente un utile strumento di consultazione rappresentato da un elenco di prodotti alimentari del commercio appartenenti a categorie a rischio di contaminazione da glutine o vietate per il celiaco, in cui le aziende produttrici certificano l’assenza di glutine. Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire a coloro che devono seguire una rigorosa dieta senza glutine, uno strumento aggiornato per acquistare prodotti alimentari di uso comune. I prodotti privi di glutine sono contrassegnati da un simbolo internazionale: la “Spiga Sbarrata”.

Esistono sul mercato moltissimi prodotti sostitutivi che sono in grado di garantire un regime dietetico equilibrato, come l’uso di farine di riso, mais, soia pura, grano saraceno puro, castagne, ceci, fecola di patate ecc. Nel corso degli ultimi anni si è verificato un aumento di sensibilità relativamente alle problematiche dei malati di celiachia e anche molti ristoranti si sono attrezzati per rispondere alle esigenze dei celiaci.

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI