Quali grassi scegliere per la propria dieta?

 
E-mail Stampa

burro_grassiL’olio e il burro sono degli elementi importanti della nostra dieta.  Sono composti quasi esclusivamente da grassi (lipidi) che possiedono numerose sostanze  con caratteristiche e proprietà diverse. I grassi in genere sono indispensabili per la sopravvivenza e il mantenimento di un buono stato di salute nell’organismo.

Dal punto di vista della funzione svolta, possono essere suddivisi in :

- lipidi di deposito o trigliceridi (98%) rappresentano una delle principali riserve di energia che si accumulano nel tessuto adiposo,

- lipidi cellulari (2%) come i fosfolipidi, glicolipidi e colesterolo, sono invece i costituenti fondamentali del rivestimento delle cellule, dette membrane cellulari. I lipidi sono sostanze organiche che non si sciolgono in acqua e presentano un potere calorico (9 kcal/gr) del tutto superiore a quello di carboidrati e proteine. Si distinguono in lipidi semplici e complessi. I lipidi semplici sono i trigliceridi, caratterizzati dalla presenza di una sola molecola, mentre i lipidi complessi, i fosfolipidi, i glicolipidi e le lipoproteine, sono composti da vari tipi di molecole.

Gli acidi grassi sono i componenti fondamentali dei lipidi complessi e sono classificati a seconda della grandezza della loro composizione in: acidi grassi a catena corta, media e lunga. La maggior parte degli acidi grassi presenti nelle cellule umane è del tipo a catena lunga. Importante per le caratteristiche biologiche è la differenza  degli acidi grassi in saturi e insaturi.


Acidi Grassi Saturi: per le  loro caratteristiche chimiche, hanno una temperatura di fusione alta e a temperatura ambiente tendono a divenire solidi. Dal punto di vista alimentare tra gli acidi grassi saturi possiamo trovare l’acido butirrico, l’acido miristico, lo stearico, il palmitico, che sono contenuti prevalentemente nei grassi animali (latte, carne e uova), e nell’olio di palma e di noci di cocco. Le funzioni svolte da questi acidi grassi sono molteplici: costituiscono una fonte energetica per l’organismo, sostengono e mantengono le funzioni di tutti gli organi, determinano l’isolamento termico e favoriscono l’assorbimento delle vitamine A,D,E,K liposolubili (solubili, cioè, al contatto con i grassi).


Acidi Grassi Insaturi: si differenziano in monoinsaturi e polinsaturi. Raggiungono una temperatura di fusione più bassa e si trovano allo stato liquido, sono molto meno stabili alla luce e al calore. Tra i monoinsaturi il principale è l’acido oleico, presente in elevate quantità nell’olio di oliva. Gli acidi grassi polinsaturi, anche detti acidi grassi essenziali (AGE), in quanto non sono sintetizzati dall’organismo e quindi devono essere assunti con la dieta, sono l’acido linoleico e l’acido linolenico. Le fonti alimentari di acidi grassi polinsaturi sono principalmente: olio di mais, olio di girasole, olio di arachidi, noci, cereali e legumi. Gli AGE, una volta introdotti nell’organismo vengono metabolizzati da specifici enzimi in altri acidi grassi della stessa serie e si ottengono i PUFA (Polinsatured Fatty Acids).


Quest’ultimi sono i precursori degli eicosanoidi, molecole di grande importanza biologica, perché svolgono un importante ruolo nei meccanismi infiammatori e del sistema immunitario. I PUFA inoltre svolgono anche funzioni benefiche per quanto riguarda la pressione arteriosa, la gravidanza, lo scheletro e l’osteoporosi, oltre che per le malattie cardiovascolari, in quanto una loro adeguata assunzione può avere dei risvolti positivi in patologie quali l’aterosclerosi.

L’approccio nutrizionale all’aterosclerosi ha una base scientifica, poiché con l’alimentazione si può  agire sulla presenza dell’LDL (colesterolo a bassa densità), riducendo l’assunzione di acidi grassi saturi e  aumentando invece l’apporto di acidi grassi polinsaturi. A questo proposito svolge un ruolo fondamentale e predominante l’olio di oliva che funge da supporto nell’aumentare i valori di HDL (colesterolo ad alta densità) nel sangue e quindi riducendo sistematicamente il rischio di arterosclerosi.

Gli acidi grassi della serie Omega 3 sono presenti principalmente nell’olio di pesce (salmone, sgombro, acciughe), olio di semi di lino e alghe. Alla serie invece dei grassi Omega 6 appartengono quelli presenti nei cereali, negli olii vegetali (soia, girasole), uova, carne ( fegato, cervello, ghiandole surrenali) e pollame. Quindi per garantire un adeguato apporto nutrizionale è opportuno prediligere l’assunzione di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi, in quanto hanno delle importantissime azioni sul sistema immunitario, controllano le infiammazioni, e regolano inoltre i livelli di colesterolo nel sangue. La dieta mediterranea in questo contesto gioca un ruolo fondamentale, poiché garantisce un ottimo rapporto Omega 3/ Omega 6, aiutando a prevenire molte patologie.

Quindi attraverso un adeguato stile di vita e buon regime alimentare dei grassi, possiamo andare a modulare tutti gli effetti della sindrome metabolica e delle sue complicanze vascolari.

 

grassi_saturi

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI