Dall'Unione europea, la nuova etichetta alimentare. Più regole per la sicurezza

 
E-mail Stampa

etichetta-alimentareDopo ben 32 anni di onorato servizio la vecchia normativa sull’etichettatura alimentare va in pensione e lascia il posto a qualcosa di davvero innovativo in campo alimentare. Il nuovo regolamento varato dalla Commissione Europea è entrato in vigore il 22 novembre 2011, e tutte le aziende alimentari entro la fine del prossimo anno dovranno modificare le etichette.

Fino a qualche tempo fa l’etichetta non era obbligatoria, ma gran parte dei prodotti già la fornivano perché era un sistema per veicolare informazioni, per caratterizzare e valorizzare il prodotto stesso. Questa nuova normativa ha, però, lo scopo di tutelare in primo luogo la salute del consumatore salvaguardando allo stesso tempo l’armonizzazione del mercato e della libera circolazione delle merci in Ue.

L’etichetta è divenuta negli anni, un aspetto sempre più importante nella scelta da parte del consumatore dei vari prodotti alimentari presenti sugli scaffali dei nostri supermercati.

Le principali novità che troviamo o a breve troveremo sulla confezione dei nostri alimenti sono:

 

La Tabella Nutrizionale: questa deve essere presente in tutti gli alimenti confezionati e devono obbligatoriamente essere presenti i sette elementi principali quali grassi, acidi grassi saturi (possono essere distinti anche gli acidi grassi insaturi, ma questo non è imposto dal regolamento) , zuccheri, carboidrati, proteine, sale e valore energetico. Si deve inoltre far riferimento a 100g o 100ml di prodotto. La nuova normativa prevede anche che questi dati vengano riferiti anche ad una singola porzione. Il fattore di conversione per calcolare le kcal o i kj, quindi la quantità di energia che fornisce il prodotto è:
- per i carboidrati e le proteine è 4 kcal o 17 kj;
- per i grassi è 9 kcal o 37 kj;
- per l’alcol è 7 kcal;
- per gli acidi organici è 3 kcal.

 

Potranno essere utilizzati altri schemi quali ad esempio i semafori, molto utilizzati in altri paesi, che hanno il ruolo di indirizzare le scelte del consumatore, ovviamente il colore verde ci riporta ad un alimento che ha la minima ripercussione sulla salute o su eventuali possibili rischi di accentuare determinate patologie. Il semaforo arancione significa che dobbiamo porre attenzione e il colore rosso sta ad indicare che quell’alimento ad esempio ricco in acidi grassi saturi e di colesterolo potrebbe essere dannoso per chi soffre o chi è predisposto a patologie cardiovascolari. Possono essere indicati anche una serie di sali minerali e vitamine se questi in 100g o 100ml di prodotto superano la soglia del 15% della dose giornaliera raccomandata. Sino a qualche tempo fa la fibra non veniva imputata nel calcolo delle calorie, in quanto non si pensava apportasse energia

Indicazione d’origine: entro due anni tutte le aziende dovranno obbligatoriamente indicare sulla confezione il luogo di provenienza di carni suine, ovine, caprine e pollame. Nei prossimi cinque anni ci potranno essere nuove modifiche: si potrà estendere l’obbligo di provenienza anche a latte, prodotti lattiero caseari e altri alimenti trasformati in cui sia fatto uso di latte o carne. Questo regolamento ha anche il ruolo di tutela nei confronti di DOP e IGP di cui il nostro Paese ne vanta una grande quantità.

Alimenti surgelati: con la nuova normativa si rende obbligatoria la scritta “scongelato” in tutti quei prodotti alimentari che da congelati o surgelati vengono venduti al consumatore scongelati.

Insaccati: quando l’involucro che avvolge i salumi non è commestibile deve essere esplicitamente scritto.

Sostanze allergizzanti: qualunque possibile allergene deve essere evidenziato in etichetta attraverso accorgimenti grafici (grassetto o colore ben evidente).

Oli e grassi: la semplice scritta “oli e grassi” non è più consentita, in quanto devono essere specificati dettagliatamente il tipo di olio o di grasso utilizzato (es. oli di palma, girasole, ecc). E’ ammessa la dicitura in “proporzioni variabili” solo per le miscele. Si sta inoltre pensando di integrare nella tabella nutrizionale anche la presenza degli acidi grassi trans, una tipologia di lipidi presente prevalentemente nei prodotti dolciari, fortemente sconsigliata per chi soffre di ipercolesterolemia e iperlipidemia.

Caffeina: bevande diverse dal tè o caffè, e dai drink a base di tè o caffè, che presentino un tenore di caffeina superiore a 150 mg/l devono essere riportati in etichetta con la scritta “tenore elevato di caffeina” con la nuova avvertenza: “ Non raccomandato per bambini e donne in gravidanza o nel periodo di allattamento”.

Scadenza: la data di scadenza deve essere riportata oltre che sulla confezione esterna anche sull’incarto interno del cibo. Qualsiasi prodotto a base di carne o pesce surgelato o congelato non lavorati, devono obbligatoriamente indicare il giorno, mese e anno della surgelazione o del congelamento.

 

 

 

Altri Articoli - Nutrizione

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI