Integratori alimentari, bebè e adolescenti a rischio

Condividi
Tweet
 
Lunedì 23 Maggio 2011 00:00 Scritto da Paolo Ribichini
Stampa
Queste sostanze, senza controllo medico, possono mettere a rischio la salute dei nostri figli

Queste sostanze, senza controllo medico, possono mettere a rischio la salute dei nostri figli

integratori_vitamineIntegratori, vitamine e sali minerali. I genitori non fanno mancare mai nulla ai propri figli. Prima per farli crescere bene, poi per fargli superare la stanchezza primaverile della scuola. Ma se dati senza controllo medico, possono essere pericolosi.

L'allarme arriva dal primo congresso sulle cure pediatriche primarie che si è svolto recentemente a Tel Aviv. Qui, i vari esperti erano concordi nella necessità di prevenire i rischi di quella che sembra essere una vera e propria moda. Molte sostanze, in realtà, devono, secondo i pediatri, essere sottoposte ad ulteriori test e verifiche. In Israele è già stato avviato un monitoraggio nazionale dopo alcuni casi gravi legati, in particolare all'uso di prodotti dimagranti. “Abbiamo scoperto che all'interno di uno di questi prodotti era contenuto un anoressizzante, la sibutramina, ritirata dal commercio da tempo, che aveva provocato il blocco renale in un ragazzo di 15 anni”, spiega Mati Berkovitch, presidente della Società israeliana di pediatria. L'analisi di altri prodotti ha permesso di scoprire grandi presenze di alcol, fino al 20% del totale in alcuni integratori a base di erbe per le coliche dei lattanti.

Anche se i prodotti sono a base di erbe, gli esperti sostengono che questo non significa che siano innocui per la salute, in particolare su quella dei più piccoli. “Non sappiamo quasi nulla su come alcune sostanze naturali possano amplificare o ridurre l'effetto dei farmaci che alcuni bambini debbono prendere”, ha concluso Berkovitch.

Achille Caputi, ex presidente della Società italiana di farmacologia (Sif) ha sottolineato la necessità di creare un sistema di segnalazione per gli effetti collaterali: “Non c'è un sistema di segnalazione per gli integratori, non esiste una banca dati. Si tratta di sostanze attive che non vengono sottoposte ai controlli obbligatori per tutti i farmaci. E preoccupa anche il fatto che si tratta di prodotti che possono interagire con i farmaci ma che vengono anche utilizzati da persone sane che nella maggior parte dei casi non ne hanno bisogno''.

Per questo è bene ricordarsi che molto spesso le sostanze di cui abbiamo bisogno sono contenute nel cibo. Gli integratori di qualsiasi tipo devo essere utilizzati con moderazione e possibilmente sotto controllo medico.

Tags:

Vedi anche