Quando malattie metaboliche e alimentazione influenzano la fertilità

 
E-mail Stampa

obesaLa grelina, l’ormone che stimola l’appetito, inibisce la secrezione dell’ormone sessuale LH. Viceversa il peptideYY, che conferisce il senso di sazietà seguito dall’assunzione di cibo, ha un’azione opposta sullo stesso ormone.

Un altro ormone coinvolto nella regolazione dell’appetito e della spesa calorica è la leptina. Questa è rilasciata quando ci sono sufficienti depositi di grassi e agisce attraverso il cervello per inibire l’appetito e stimolare il rilascio degli ormoni sessuali.

Mentre grelina e peptideYY svolgono un’azione a breve termine, le leptine hanno un’azione a lungo termine sulla funzione riproduttiva. Gli individui con defecit ereditario di leptina sono conseguentemente obesi e non entrano in pubertà. I livelli di leptina sono bassi anche in donne con ridotto peso corporeo non avendo riserve di grasso. Ciò può causare la sospensione del ciclo mestruale (amenorrea ipotalamica). Donne con amenorrea ipotalamica trattate con leptine riprendono le loro funzioni riproduttive.

L’obesità è associata con una varietà di malattie croniche ma anche con patologie riproduttive come infertilità, complicanze ostetriche e amenorrea. Le donne obese riportano con più alta frequenza problemi di infertilità e ridotta fecondità rispetto a donne con Indice di Massa Corporea (BMI: indicatore dello stato di peso forma) nella norma. L’obesità è associata con alterazioni nella produzione di ormoni correlati alla follicologenesi, processo che avviene nell’ovaio relativo alla maturazione dei follicoli che supportano gli ovociti.

Nel liquido dei follicoli di donne obese è stato trovato un incremento di sostanze potenzialmente dannose quali citochine (proteine del sistema immunitario), proteina C reattiva, trigliceridi e acidi grassi liberi.

Bassi tassi di gravidanza e abortività ripetuta sono spesso indicativi di anomalie nell'embrione. Ma i primi stadi della crescita embrionale sono controllati dalla qualità dell’oocita. Recenti studi hanno messo in evidenza una correlazione tra l’alto BMI e le alterazioni nella qualità dell’oocita. È stata dimostrata un’alta prevalenza di anomalie nel citoscheletro in oociti fertilizzati e falliti da pazienti severamente obese rispetto a quelle con normale BMI. Anomalie a livello del citoscheletro di una cellula può portare ad un’errata separazione dei cromosomi e quindi ad anomalie cromosomiche causa di gravi malattie genetiche. L’età della paziente non influisce su questi risultati, in quanto, è stato visto che in donne obese, sono gli stessi a prescindere dall’età.

Tra le cause per cui l’obesità risulta dannosa per la fertilità di uomo e donna, vi è anche la resistenza insulinica. Nell’uomo la resistenza all’insulina è strettamente correlata con l’impotenza. Mentre il suo ruolo nelle alterazioni spermatiche è molto controverso. Sembra essere coinvolto nello stress ossidativo che lede alla capacità fertilizzante dello sperma. Nella donna invece incrementa la possibilità di manifestazione di ovaio policistico, determinando un aumento della quantità di grasso viscerale. Inoltre, ha un impatto sulla qualità dell’endometrio, l’impianto e lo sviluppo del trofoblasto, tessuto che serve a nutrire l’embrione.

Un'altra disfunzione metabolica in correlazione con l’alimentazione e che incide negativamente sulla fertilità è l’intolleranza al glutine o celiachia. Pazienti con problemi di celiachia spesso sono infertili e hanno aborti ricorrenti. Problemi come aborti spontanei, neonati dal basso peso e la ridotta durata di allattamento al seno possono diminuire in donne che seguono una dieta priva di glutine.

Un’alta prevalenza di teratozoospermici e astenozoospermici è stata riscontrata in uomini con celiachia. Molti studi hanno dimostrato come in campioni di donne infertili, è alta la percentuale di donne con celiachia latente. Quindi in pazienti con problemi di fertilità per cause inspiegate non è da escludere una dieta glutin-free in quanto vi sono forme latenti e silenti della malattia. L'effetto positivo di una dieta senza glutine non deve essere trascurato, anche se il meccanismo principale responsabile della riduzione della fertilità nelle donne con celiachia è ancora sconosciuta.

 

Altri Articoli - Nutrizione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI