Nutrigenomica e fertilità

 
E-mail Stampa

La nutrigenomica nasce dall’unione della genetica con la nutrizione e costituisce una nuova arma di prevenzione contro malattie.

nutrigenomica e fertilitàNel Dna esistono delle piccolissime variazioni, comuni soprattutto in individui appartenenti alle stesse popolazioni. Queste variazioni prendono il nome di Snp, Polimorfismi a singolo nucleotide, ovvero diversa forma di un singolo mattoncino (nucleotide) che forma il DNA.

Gli Snp , polimorfismi a singolo nucleotide,possono “predisporre” a malattie, che si possono manifestare sia in età precoce (p.es. infertilità) che tardiva (p. es. osteoporosi).

In che modo quindi c’entra la nutrizione in questo caso?

Già da tempo si sta studiando la maniera di riparare i danni causati dagli Snp attraverso l’assunzione di nutrienti specifici, che vanno a regolare il disequilibrio metabolico causato dalla mutazione, per garantire quella che va sotto il nome di disability free longevity, cioè una lunga vita senza malattie.

Questo è ciò di cui si occupa nello specifico la nutrigenomica.

L' infertilità potrebbe essere curata da interventi mirati sull’alimentazione.

Il gruppo di ricerca della Professoressa Adriana Maggi, ordinario diFarmacologia e Biotecnologie Farmacologiche presso l’Università di Milano, ha dimostrato, con un lavoro pubblicato su Cell Metabolism, come alcuni amminoacidi assunti con la dieta agiscano direttamente sul recettore epatico degli estrogeni, attivandolo.

Questo gruppo ha messo in luce come in restrizione calorica, vi è una perdita di attività del recettore epatico degli estrogeni, fino a bloccare il ciclo mestruale e la preparazione dell’utero all’impianto dell’embrione.

Somministrando proteine, e non più carboidrati o grassi, negli individui in restrizione calorica, il recettore riprendeva la sua attività e veniva recuperata la fertilità.

I ricercatori hanno supposto che il recettore epatico degli estrogeni funzioni come “sensore di energia”, facendo in modo che la gravidanza si instauri solo in individui con sufficienti riserve energetiche.

Inoltre stabilisce la causa di alcune forme di amenorrea e forse anche i problemi di fertilità legati alla obesità.

Mentre è nota da tempo la relazione tra infertilitàeanoressia, altre forme di infertilità, la cui causa oggi non viene correttamente diagnosticata, potrebbero infatti essere collegate a diete troppo ricche di carboidrati e grassi.

Questo esempio dimostra come l’alimentazione sia importante nella regolazione del metabolismo.

Oggi con il sequenziamento del Dna, s’è visto come la presenza di specifici Snp sia correlata a determinati problemi metabolici. È importante quindi individuare le variazioni genetiche legate al rischio dei singoli individui, a quel punto l’alimentazione può diventare personalizzata per prevenire e curare malattie complesse alle quali si può essere predisposti.

Bibliografia:

Focus, Volume 222, 142-156, Aprile 2011

“Se la cura è il cibo”

Amelia Beltramini

Cell Metabolism, Volume 13, Issue 2, 205-214, 2 February 2011

Amino Acid-Dependent Activation of Liver Estrogen Receptor Alpha Integrates Metabolic and Reproductive Functions via IGF-1

Sara Della Torre, Gianpaolo Rando, Clara Meda, Alessia Stell, Pierre Chambon, Andrée Krust, Cristian Ibarra, Paolo Magni, Paolo Ciana, Adriana Maggi

 

 

Altri Articoli - Nutrizione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI