Ovaio policistico: il sovrappeso e l’obesità favoriscono l’infertilità

 
E-mail Stampa

La percentuale di donne affette da ovaio policistico che sono in sovrappeso in Italia è del 10%

dieta-ovaio-policisticoDonne obese affette da ovaio policistico rischiano maggiormente l’infertilità. La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) fu descritta per la prima volta nel 1935 da Irving Stein e Michael Leventhal come una triade di segni e sintomi caratterizzata da: amenorrea, obesità ed irsutismo. È un disordine endocrino molto comune nelle donne in età fertile con una prevalenza media nella popolazione tra il 2 e il 10%.

Nelle giovani pazienti affette da questa patologia solo il 18% riesce a mestruare regolarmente, e il 78% di queste possiede un’alterazione del ritmo del ciclo mestruale (oligomenorrea).

L’ovaio policistico rappresenta una malattia che se non trattata adeguatamente può evolvere e peggiorare nel tempo con conseguenze che possono danneggiare la fertilità, ed ulteriori complicanze dovute sia all’obesità che all’iperandrogenismo.

La percentuale di donne affette da ovaio policistico che sono in sovrappeso in Italia è del 10%, ma la più alta prevalenza di obesità si registra negli Stati Uniti e in Australia (61-76%). Alcuni recenti studi suggeriscono come all’aumentare del peso corporeo sia associata una maggiore prevalenza di irregolarità mestruale, irsutismo e iperandrogenismo.

L’adiposità addominale e viscerale sono associate ad una maggiore insulino-resistenza che potrebbe aggravare le anomalie riproduttive e metaboliche delle giovani donne. Diventa quindi indispensabile la gestione nutrizionale sia dell’ovaio policistico che del diabete mellito di tipo 2.

Il trattamento di prima scelta prevede l’approccio ad una sana alimentazione, attraverso pasti ricchi di fibre e poveri di grassi, affiancato ad un costante esercizio fisico che insieme possono migliorare molto la malattia, e secondo diversi studi, già riducendo il peso si hanno dei benefici dal punto di vista della fertilità.

Nelle pazienti diabetiche e affette da ovaio policistico, se da questo primo trattamento non si ottengono grossi benefici, si possono affiancare alla dieta e all’esercizio fisico anche alcuni farmaci ipoglicemizzanti orali che aiutano a stabilizzare le glicemie durante la giornata.

Un team di studiosi ha dimostrato che, somministrando un programma dietetico di circa 1.200 calorie al giorno (per un periodo pari a 6 mesi) a donne in sovrappeso affette da ovaio policistico, con cicli anovulatori (cioè senza mestruazione), oltre ad un calo ponderale medio di 6-7 kg, vi è stata una riduzione dei livelli di insulinemia e di testosterone, ma sicuramente il dato più significativo è che il 92% delle donne ha ripreso dei cicli ovulatori e l’85% di queste è riuscita ad intraprendere una gravidanza spontanea.

L’alimentazione rappresenta in questo caso una forma terapeutica di estrema importanza per le donne che possiedono questo particolare disordine endocrino e che sono interessate ad avere un figlio.

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI