Le ostriche e il sesso: mito o realtà?

 
E-mail Stampa

ostriche_afrodisiacoGià nell’antichità le ostriche venivano consumate in abbondante quantità sia crude, accompagnate da un po’ di limone, che cotte. I Romani addirittura trovarono il modo per creare degli allevamenti. Lo storico romano Plinio le descriveva così: “Le ostriche del Mar di Marmara sono già più grosse di quelle di Lucrino, più dolci di quelle della Bretagna, più gustose di quelle di Medoc, più piccanti di quelle di Efeso, più piene di quelle spagnole… più bianche di quelle del Circeo; di quest’ultime è assodato che non ve ne sono di più dolci o più tenere”.

Mangiando le ostriche con quel forte sapore di mare e quel
leggero sapore metallico, bevendo il loro liquido freddo da
ogni guscio, accompagnandolo con un gustoso vino frizante,

quella sensazione di vuoto sparì e cominciai ad essere felice”.

Ernest Hemingway

I popoli antichi ne esaltavano sia il gusto che le proprietà curative pur non descrivendo nei dettagli le proprietà benefiche di questi frutti di mare. Abbiamo tuttavia testimonianze sulle qualità energizzanti e afrodisiache dopo un buon pasto a base di ostriche. Il medico umanista Michele Savonarola attribuiva il loro potere seducente e sensuale probabilmente a causa della “ventosità del loro guscio” e per la “forma del frutto”, simile agli organi genitali femminili, tanto che mise in guardia contro gli istinti lussuriosi scatenati da questi molluschi.

Lo stesso Giacomo Casanova, come si legge nei suoi diari, era un grande consumatore di ostriche e nei suoi incontri amorosi queste rappresentavano un cibo da seduzione. Scrive, infatti: “Per puro caso un’ostrica che stavo per mettere in bocca ad Emilia sdrucciolò fuori dal guscio e le cadde sul seno. La ragazza fece il gesto di raccoglierla con le dita, ma io glielo impedì, reclamando il diritto di sbottonarle il corpetto per raccoglierla con le labbra nel fondo in cui era caduta ….”

Solo ai giorni nostri si è riusciti a capire il motivo di così tanto fervore quando si mangiano le ostriche. Queste contengono un’ alta percentuale di Zinco il quale, oltre ad essere un ottimo antibiotico naturale a livello delle vie genito-urinarie e della prostata, aumenta in maniera sensibile la funzione riproduttiva sia per l’uomo che per la donna. Lo zinco, infatti, ha un ruolo fondamentale nello stabilizzare il DNA dei gameti (spermatozoi e ovociti) ed entra a far parte di numerose reazioni biologiche che sono all’origine della vita. Ma c’è di più! Un lavoro scientifico presentato a San Diego durante il congresso della American Chemical Society ha dimostrato che le ostriche sono ricche di Acido D-Aspartico, aminoacido notoriamente coinvolto nella secrezione ormonale. Questa sostanza infatti aiuta l’ipotalamo e l’ipofisi a rilasciare quegli ormoni (GN-Rh e LH) che regolano la produzione di testosterone da parte del testicolo e di estrogeni e progesterone da parte delle ovaie. L’Acido D-Aspartico è normalmente presente nel liquido seminale, nei testicoli e negli spermatozoi di uomini adulti sani, ma nei casi di sterilità maschile questo si riduce dalle 3 alle 6 volte a seconda della gravità del quadro clinico.

Questo non significa certo che per mantenere il proprio apparato riproduttivo in buona salute bisogna consumare ostriche ad ogni pasto. E’ sufficiente assicurarsi un congruo apporto di Zinco raccomandato nella dieta (10 mg al giorno per gli uomini e 7 mg per le donne) e prediligere anche altri alimenti che, come le ostriche, contengono Acido D-Aspartico, come le proteine della soia, il baccalà, lo stoccafisso, l'alga spirulina essiccata, lo storione affumicato, i ricci e i frutti di mare in genere, la pancetta di maiale cotta ed altri.

Infine ricordiamo che un eccesso di Zinco ha effetti dannosi sull’organismo (come accade per tutti i minerali), perché può causare febbre, nausea, vomito, dissenteria, arteriosclerosi precoce, difficoltà di coordinamento muscolare, alterazioni nell’assorbimento di calcio e magnesio e nel metabolismo di ferro e rame. Attenzione infine, perché quando negli spermatozoi lo Zinco è in eccesso, il maschio può addirittura essere le causa di aborti precoci e ripetuti nelle donne, perché il suo DNA è troppo addensato e si accoppia male con quello presente negli ovociti. Le patologie prostatiche infiammatorie o il varicocele, per esempio, aumentano di per sé la quota di Zinco negli spermatozoi, in questi casi aggiungerne altro nella dieta, magari abbondando con le ostriche, potrebbe creare una situazione del genere ed essere quindi controproducente per la coppia.

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI