Come trasformare diete tristi in piatti gustosi/4

 
E-mail Stampa

riso_zafferanoPerdere peso, mantenersi in forma e curare il proprio corpo sono abitudini che non devono per forza andare a scapito del piacere di sedersi a tavola. Prosegue quindi il nostro percorso tra le ricette “dietetiche”. Anche una dieta che può sembrare triste e difficile negli accostamenti, può diventare stimolante, in quanto vedremo come con un pizzico di fantasia è possibile animarla. Vediamo come cucinare con brio un risotto vegetariano allo zafferano e come combinare del crudo con delle verdurine fresche.

 

PRIMA SETTIMANA

 

 

Giovedì

Iniziare ogni pasto bevendo un bicchiere d’acqua possibilmente ad una temperatura che non sia inferiore agli 11° soprattutto appena mattina.

 

Colazione:

Yogurt parzialmente scremato, g 125

Un cucchiaio di bastoncini di frumento integrale

Due kiwi tagliati a fettine

Una tazza calda di orzo o di tè verde con zenzero, cannella e chiodi di garofano

 

Spuntino mattina:

Una piccola banana

 

Propongo un'alternativa che non vada a modificare la dieta:

Prendete una banana, tagliatela a rondelle e conditela con poco limone. Oppure, potete scegliere di frullarla con poca acqua minerale, buccia di lime grattata, qualche mandorla tostata a filetti e qualche fogliolina di menta. Una preparazione decisamente gustosa e leggera.

 

Pranzo:

Insalata di songino o insalata belga (porzione libera)

Risotto allo zafferano(donna gr.70 / uomo gr 80) oppure minestra di lenticchie (gr. 70 secche)

Fagiolini lessati con maggiorana

 

Con queste due opzioni mi soffermerei sulla prima, un bel risotto rappresenta sempre un elemento divertente e versatile ma soprattutto ci dà la possibilità di fare un piatto unico con i nostri ingredienti per il pranzo. Il risotto allo zafferano è un piatto tipico della cultura culinaria lombarda. Nello specifico della ricetta tradizionale dovremmo utilizzare, burro, midollo, formaggio una serie di ingredienti che andrebbero a cozzare con i nostri presupposti “dietetici”. Pertanto, non volendo rinunciare al piacere di un buon risotto, andremo a cercare principalmente freschezza nel gusto.

Non deve mai mancare un buon brodo vegetale per il quale sconsiglio di utilizzare la carota la sua dolcezza andrebbe a rendere tutto troppo mieloso pertanto lo caratterizzerei con della cipolla leggermente arrostita. Puliamo bene i nostri fagiolini e li sbianchiamo in acqua bollente e poco sale per circa 3 minuti dalla ripresa del bollore per poi freddarli in acqua e ghiaccio. Li metteremo da parte tagliandoli a pezzettini lunghi mezzo centimetro per poi dargli un’arrostita veloce e senza far scurire su una padella di ferro ben calda appena velata di olio EVO, un pugliese. Mettiamo da parte.

Facciamo una julienne sottile con la nostra indivia belga appena condita con del sale in fiocchi al sedano e pochissimo olio pugliese. Sarà la nostra parte amarostica ed aromatica che legherà lo zafferano ai fagiolini arrostiti.

Partiamo con la cottura del nostro riso, consiglio un buon “Roma”: ha un chicco grosso, tondeggiante, che cede molto amido durante la cottura. La sua qualità varia di anno in anno, quindi le sue caratteristiche culinarie sono instabili. occorre perciò fare molta attenzione nel cucinarlo. La sua forte percentuale di amido permette di ottenere un risotto ben mantecato e giustamente morbido, caratteristica che lo renderà molto cremoso e ricco di sapore anche se non mantecheremo con grassi animali. Facciamo andare in una casseruola, possibilmente in rame (ottimo nel condurre il calore anche sulle pareti della casseruola), poco olio, un battuto fino di scalogno piccolo e un mestolino di brodo. attendiamo che lo scalogno sbianchi e inizieremo con la tostatura del riso quando il liquido sarà completamente assorbito. Tostare per circa 1 minuto girando spesso ed avendo cura di non bruciare lo scalogno, sfumare con il brodo e, dalla prima evaporazione mantenere costantemente coperto il riso da un velo di brodo che andremo ad aggiungere ogni volta che sta per asciugare sino alla fine della cottura. Riempire mezzo bicchiere con il brodo e porvi i pistilli di zafferano in infusione, versare il composto a metà cottura.

Quando mancano un paio di minuti, levare dal fuoco avendo cura di mantenere il riso all’onda. Mantecare energicamente con l’olio, senza superare la dose giornaliera, poco parmigiano, pepe a mulinello ed aggiustando con il sale in fiocchi. Far riposare un minuto a coperchio chiuso ed infine mescolarvi prima di servire l’indivia ed i fagiolini.

 

Merenda:

Ananas (g 150)

Ottima da mangiare a pezzi, condita con poco olio, prezzemolo e semi di sesamo tostati o semplicemente centrifugata.


fagottini_prosciuttoCena:

Insalata croccante di sedano, carote e finocchi (porzione libera)

Prosciutto crudo magro (Donna g 70 / Uomo g 80)

Cavolo al vapore (porzione libera)

Pane integrale (Donna g 60 / Uomo g 70)

 

La nostra cena lascia poco spazio alle interpretazioni. Pertanto andremo a ravvivarla creando una fagottino di prosciutto con verdurine croccanti e cavolo al naturale, un piatto sfizioso e leggero che al di fuori della nostra dieta può essere anche utilizzato come aperitivo in una serata in compagna di amici.

Fare una bronuase piccola con il sedano le carote ed il finocchio che andremo a condire con poco olio ligure, qualche goccia di aceto di lamponi, una macinatina di pepe al mulinello e la barba tritata del finocchio. Non aggiungiamo sale prendendo quello del prosciutto stesso.

Con l’aiuto di un coppapasta, prepareremo i fagottini con un filo di erba cipollina e li servirermo su una crema di cavolo appena sbianchito (vedi procedimento negli articoli precedenti) ottenuta frullando il gambo e parte delle cime del cavolo con poca acqua, aggiustato leggermente con sale, mantenendoci qualche cimetta che andremo a condire come le nostre verdurine.

 

Dopo cena:

Tisana di finocchio dolce (una tazza)

 

Altri Articoli - Nutrizione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI