Dalla soia un'ottimo rimedio alla menopausa

 
E-mail Stampa

I fitoestrogeni contenuti in questi alimenti possono regolare il livello ormonale nelle donne

soiaGli estrogeni vegetali, anche detti fitoestrogeni, hanno una somiglianza strutturale e un’attività estrogenica molto simile a quella degli ormoni femminili, seppure con un’ efficacia molto più contenuta. Questi cosiddetti “ormoni vegetali”, sono presenti in circa 300 piante diverse, di cui molte non sono commestibili. Ad oggi le fonti alimentari che presentano il maggior contenuto fitoestrogenico sono la soia, i legumi, i cereali, le noci e in quantità minore anche alcuni tipi di frutta e verdura.

La soia, insieme a tutti i suoi derivati, come le farine, il latte e il tofu, rappresenta l'alimento con la più alta concentrazione di fitoestrogeni, i quali contribuiscono a regolare naturalmente la produzione ormonale corporea.

I ricercatori hanno notato che nei paesi in cui è maggiore il consumo di legumi e cereali, vi è una minore incidenza di patologie come il cancro alla mammella, quello uterino e intestinale, aterosclerosi e osteoporosi.

La ricerca scientifica si è inoltre soffermata anche sul risvolto positivo che i fitoestrogeni esercitano sui disturbi legati alla menopausa. In particolare si è visto che il consumo e l’integrazione nella dieta di isoflavoni può avere un effetto benefico sulle vampate di calore, sull’atrofia tissutale e la secchezza vaginale; tutti disturbi che la menopausa può portare.

In un articolo pubblicato di recente dal National Cancer Institute la “genisteina”, importante isoflavone, è stata indicata come un possibile agente anticancro presente nei lupini, nelle fave e nella soia. La ginesteina, sembra influire sul metabolismo della cellule del tumore, indebolendo le loro capacità di difesa contro i trattamenti anticancro, quali la chemioterapia e la radioterapia.

I fitoestrogeni contenuti nella soia possono proteggere efficacemente anche le giovani donne dall’endometriosi, da mastopatia fibrocistica e da fibromi dell’utero. In uno studio è stata messa in evidenza la relazione tra la bassa percentuale di queste patologie nelle donne cinesi che consumano regolarmente elevate quantità di cibi a base di soia, in particolare il tofu. Da questo studio è emerso che i cinesi che consumano fagioli e soia hanno solo un’incidenza del 50% di cancro allo stomaco, al colon, al seno e al polmone, rispetto ai cinesi che invece consumano saltuariamente questi alimenti ricchi in fitoestrogeni, che quindi presentano una maggiore incidenza di queste patologie.

Ma come agiscono esattamente gli isoflavoni di soia? Questi possono agire essenzialmente sia come agonisti, che come antagonisti degli estrogeni. Questo vuol dire che in presenza di elevati livelli di estrogeni (durante l’età fertile), gli isoflavoni si comportano come degli antagonisti e quindi competono con gli ormoni femminili per gli specifici recettori. Al contrario, in presenza di bassi livelli ormonali (durante la menopausa), gli isoflavoni svolgono l’attività di agonisti estrogenici, e quindi supportano in parte la mancanza di ormoni.

La terapia sostitutiva ormonale per la post-menopausa è molto utilizzata dalle donne italiane e porta ai seguenti benefici: conserva la densità ossea, riduce il rischio di malattie cardiache croniche e infine è un buon sostegno per mantenere le funzioni cognitive con l’avanzare dell’età. Nonostante tutti questi aspetti positivi, la terapia sostitutiva ormonale aumenta il rischio di cancro alla mammella nel 10% delle donne al di sopra dei 55 anni. Quindi una valida alternativa a questa terapia è sicuramente l’utilizzo degli isoflavoni di soia, anche se svolgono un’azione molto più blanda rispetto alla vera e propria terapia sostitutiva ormonale, ma hanno il vantaggio di avere un ruolo protettivo nei confronti del cancro al seno. Gli isoflavoni di soia, infatti, sono maggiormente raccomandati a tutte quelle donne che non soffrono eccessivamente dei disturbi conseguenti alla menopausa.

Non è facile stabilire una dose raccomandata specifica, ma in linea di massima per conferire protezione si indicano dosi che vanno dai 45 ai 90 mg di isoflavoni al giorno, che corrispondono per esempio a circa 2-3 porzioni di cibi a base di soia. Ovviamente l’apporto via integratori rappresenta il modo più semplice soprattutto alle nostre latitudini, dove la soia è ancora poco conosciuta e utilizzata.

L’efficacia degli isoflavoni di soia sul metabolismo ormonale e tutti i suoi benefici sono ormai consolidati; sono considerati come dei veri e propri “integratori alimentari” e sono venduti in farmacia. Ovviamente possono essere acquistati senza ricetta medica, anche se è preferibile riferirsi sempre al proprio ginecologo per avere il prodotto che meglio corrisponde alle proprie necessità.

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI