Zuccheri, quali preferire per una dieta sana ed equilibrata

 
E-mail Stampa

Preferire zuccheri complessi come cereali e legumi, a zuccheri semplici aiuta a mantenere la linea

zucchero_bianco2I carboidrati, meglio conosciuti come zuccheri, sono una classe di nutrienti di base nell’alimentazione umana. A partire dagli anni settanta, nei paesi industrializzati c’è stata una netta diminuzione nel consumo di zuccheri complessi, detti polisaccaridi, come l’amido, ed un considerevole aumento di quelli solubili, come il saccarosio. Questa modificazione nelle abitudini alimentari ha portato ad un aumento nella dieta della quota di grassi (lipidi).

L’assunzione eccessiva di dolci trova spiegazione nell’effetto particolarmente gratificante del loro sapore, con conseguenze che, però, si possono ripercuotere negativamente sulla salute. Proprio per questo motivo negli ultimi anni si sta verificando un cambio di tendenza, grazie ad una maggiore diffusione dell’educazione alimentare e dell’introduzione della Piramide Mediterranea che, posiziona la categoria dei “dolci” agli ultimi posti nella scala dei cibi che dovrebbero essere consumati con minore frequenza.

Secondo la Società Italiana di Nutrizione Umana, per una dieta equilibrata è necessario che gli zuccheri semplici non debbano superare il 10-12% delle calorie totali. Gli zuccheri semplici, quali per esempio il glucosio, fruttosio, lattosio, saccarosio e maltosio, sono formati solo da poche molecole di glucosio e vengono digeriti e assorbiti molto velocemente. Mentre gli zuccheri complessi come l’amido e il glicogeno, essendo costituiti da numerose molecole di glucosio hanno un assorbimento più lento. Le principali fonti di carboidrati complessi sono invece i legumi e i cereali. Questi alimenti contengono in quantità variabili amidi, fibre e glicogeno.

Gli zuccheri hanno un ruolo fondamentale nella regolazione dei valori glicemici nel sangue. In presenza di patologie come il diabete è scarsamente consigliato l’utilizzo e il consumo eccessivo di zuccheri semplici rispetto a quelli complessi che invece non comportano il picco dell’insulina. Un pasto a base di carboidrati ad alto indice glicemico provoca un aumento considerevole della glicemia la quale stimola il pancreas a produrre una grande quantità di insulina. Una parte dello zucchero introdotto entrerà nelle cellule molto rapidamente, dando una breve sensazione di sazietà, l’altra parte dello zucchero che non è entrato nella cellula andrà a costituire il tessuto adiposo, cioè la massa grassa.

Gli zuccheri apportano anche un considerevole quantitativo di calorie, e quindi influenzano direttamente l’incremento del peso. Spuntini ricchi di carboidrati a rapido assorbimento, come snack, merendine e dolciumi costituiscono il meccanismo di base per cui si tende ad ingrassare. In condizioni di digiuno (ipoglicemia), gli spuntini a base di caramelle, mentine, frutta ricca di zuccheri semplici come il fico o la banana, sono del tutto negativi in quanto tendono ad aumentare considerevolmente i valori di glicemia. L’indice glicemico che è rappresentato da una scala di valori, sta a definire la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all’assunzione di un certo alimento. Gli alimenti ad indice glicemico basso sono preferibili, in condizioni normali, rispetto a quelli ad indice glicemico alto proprio perché essendo assorbiti e digeriti più lentamente provocano un più duraturo senso di sazietà.

Per una dieta sana ed equilibrata è consigliato il consumo di carboidrati complessi, che presentano quasi in tutti i casi un basso indice glicemico, prevenendone quindi la precoce sensazione di fame. Questa raccomandazione può essere molto utile nei soggetti obesi che stentano a veder calare il loro peso corporeo seppur sottoposti a regimi alimentari molto ristretti, ma anche in tutti i soggetti con malattie causate da disordine metabolico.

 

Altri Articoli - Nutrizione

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Vino e superalcolici, quali differenze

I secondi privi di caratteristiche salutari.
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI