Anche l’obesità danneggia la fertilità maschile

 
E-mail Stampa PDF

Secondo un recente studio, sembra esserci una correlazione tra peso e qualità dello sperma

Secondo un recente studio, sembra esserci una correlazione tra peso e qualità dello sperma

obesoL’obesità mette a repentaglio la salute sessuale e la fertilità. L’aumento del peso dovuto ad un aumento del grasso corporeo è largamente riconosciuto portare a molte patologie anche gravi, tra cui il diabete e malattie cardiovascolari, con un incremento del rischio di mortalità. Ma quando si parla di fertilità e della prevenzione della salute riproduttiva molto spesso si ignora l’importanza che può avere una dieta equilibrata, una regolare attività fisica e soprattutto il controllo del proprio peso corporeo per mantenere in salute il sistema riproduttivo e sessuale.

L’influenza dell’obesità e dell’aumento del tessuto adiposo sulla fertilità femminile è stata ampiamente studiata ed è ormai riconosciuto un effetto negativo diretto, mentre per quanto riguarda la fertilità maschile, pochi sono gli studi attualmente fatti e con risultati non sempre concordanti.

Che l’obesità comporti un’alterazione della normale produzione e funzionamento degli ormoni sessuali con un deterioramento indiretto della fertilità è dimostrato, ma che possa avere un effetto diretto sulla produzione e qualità degli spermatozoi è meno chiaro.

Uno studio pubblicato recentemente su Human Reproduction, una delle rivista scientifiche più famose nel campo della riproduzione, da un gruppo di ricercatori olandesi sembra dimostrare un peggioramento del liquido seminale in soggetti obesi e con aumento del grasso viscerale. Lo studio ha preso in considerazione i parametri seminali di 450 uomini con problemi di aumento di peso mostrando una relazione diretta più evidente tra la concentrazione degli spermatozoi e la loro motilità totale con la gravità dell’obesità.

Questo dato conferma quindi l’importanza del controllo del peso corporeo anche negli uomini nel preservare ed in caso migliorare la loro fertilità. Anche se è sicuramente necessario un maggior numero di studi scientifici per approfondire questo argomento, tuttavia, in considerazione del grave impatto che l’obesità ha sulla salute generale e su quella riproduttiva, l’indicazione, anche in caso di sola infertilità, deve comunque essere la perdita di peso e il mantenimento di una buona alimentazione e di un corretto stile di vita.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna