Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale

Condividi
Tweet
 
Mercoledì 03 Luglio 2013 00:00 Scritto da Emanuela Monti
Stampa

gravidanza-visitaSi chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa amniocentesi. Si tratta di un esame non invasivo che permette di rilevare in modo accurato le più comuni trisomie fetali:

- trisomia 21 o Sindrome di Down

- trisomia 18 o Sindrome di Edwards

- trisomia 13 o Sindrome di Patau

- aneuploidie dei cromosomi X e Y (Sindrome di Turner, Klinefelter, XYY)

- sesso fetale

il tutto a partire dalla 10° settimana di gravidanza fino al termine.

Questo test, a differenza dell’amniocentesi, viene effettuato grazie ad un banale prelievo venoso di sangue materno ed è assolutamente sicuro e privo di rischi. E’ stato dimostrato che per tutta la durata della gravidanza, il sangue fetale si mescola a quello materno.

Dal sangue materno è possibile quindi separare il DNA fetale che si presenta sotto forma di piccoli frammenti che saranno poi analizzati. Grazie alle più accurate tecnologie di biologia molecolare i frammenti di DNA fetale vengono sequenziali ed analizzati grazie a specifici marcatori che identificano i cromosomi 13,18, 21, X ed Y e questo permetterebbe di identificare eventuali copie soprannumerarie di cromosomi che darebbero origine alle patologie sopraelencate.

Tags: