Blastocisti: i migliori embrioni possibili?

 
E-mail Stampa PDF

Altre cose da pensare sulla tecnica delle blastocisti nella PMA

embrione allo stadio di  blastocisti Dopo la fecondazione dell’ovocita da parte dello spermatozoo si forma l’embrione che a 2 giorni conta 4 cellule, dopo 3 giorni 8, dopo 5 giorni presenta centinaia di cellule e al sesto, finalmente, si può impiantare in cavità uterina. Non tutti gli embrioni che  iniziano la loro formazione arrivano allo stadio di blastocisti, ma  possono bloccarsi prima perché generalmente i loro cromosomi non sono abbastanza sani. Questo fenomeno  accade sia in natura che quando si fa la fecondazione in vitro (PMA) per superare i problemi più difficili delle coppie infertili.

E’ noto, che il trasferimento in utero con la PMA degli embrioni allo stadio di  blastocisti consente maggiori probabilità di gravidanza rispetto a quando si trasferisconosviluppo dell'embrione umano embrioni allo stadio precedente. Dopo 2 o 3 giorni di coltura in incubatore, cioè fuori dall’utero, non si può  sapere, infatti, quali arriverebbero allo stadio di blastocisti.  Continuare la coltura per qualche altro giorno  può farci allora selezionare gli embrioni migliori, ossia quelli che riescono a svilupparsi fino a blastocisti. Naturalmente, avere le blastocisti non significa affatto che questi embrioni si impianteranno, né che poi daranno feti adatti a nascere. Tanto è vero che il transfer di blastocisti in utero è ben lontano dal fornirci il 100% di gravidanze.

Le anomalie embrionarie, specie del numero dei cromosomi (aneuploidie), dalle quali dipende in genere il mancato impianto o l’aborto, dipendono da molti fattori tra i quali le condizioni iniziali degli ovociti o degli spermatozoi, che, oltretutto peggiorano, quando l’età della coppia aumenta. Le anomalie degli embrioni dipendono anche dalle condizioni ambientali in cui questi  si sviluppano. E’ ben noto, ad esempio, che meno gli embrioni vengono osservati e manipolati, meno stress ambientale essi subiscono. Questo genere di stress può influire, infatti, sulla qualità dei loro cromosomi, specie nel corso delle divisioni cellulari. Le condizioni ambientali in cui  le cellule si moltiplicano sono probabilmente migliori in utero che non nelle nostre macchine (incubatori metabolici) per quanto sofisticati siano (temperatura, pH, osmolarità).

Un’idea delle anomalie cromosomiche che subiscono le cellule in coltura fuori dal corpo ce la danno gli amniociti ottenuti dalle amniocentesi per fare le diagnosi prenatali e che si analizzano dopo 10-14 giorni di coltura in incubatore. E’ noto, che tali colture cellulari possono subire alterazioni cromosomiche e aneuploidie in Vitro durante le divisioni cellulari (Mitosi) in coltura. Più tempo dura la coltura, maggiori sono le probabilità di danni “in vitro”.

Pertanto, nessuno mai potrebbe dire se embrioni, che in coltura non arrivano a blastocisti potrebbero arrivarci, viceversa, in utero dove le condizioni ambientali sono teoricamente migliori. Questa regola può essere ancora più valida per embrioni fragili come quelli appartenenti a donne di età più avanzata. Infatti, la blastocisti di una quarantenne non ha la stessa qualità di una donna di 25 anni. Infine, si stanno moltiplicando le osservazioni e le opinioni di studiosi e ricercatori su vari possibili danni così detti epigenetici da parte dell’ambiente dell’incubatore o dei mezzi di coltura  utilizzati in cui gli embrioni si sviluppano.

Quando si pensa, che le blastocisti sono anche la fase in cui si  esegue la così detta PGS o Screening preimpianto  proprio per selezionare ulteriormente gli embrioni teoricamente “sani”, non è possibile, pertanto, escludere un eccesso di anomalie diagnosticate dovute proprio alle lunghe colture in vitro. Non dimentichiamo che la PGS prevede al momento anche uno stadio di congelamento-scongelamento delle blastocisti per trasferire gli embrioni in un ciclo successivo a quello in cui si sono formati. La tecnica di diagnosi PGS prevede, infatti, tempi di esecuzione ancora lunghi.

 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI