Fecondazione assistita, nessun rischio di malformazione

 
E-mail Stampa PDF

Uno studio spagnolo sembra confermare che la Pma non causa maggiori rischi di difetti congeniti nel bebè

neonatoMilioni di bambini nascono nel mondo con tecniche di fecondazione assistita. La presenza di difetti congeniti* associati all’uso di queste tecniche sono stati oggetto di numerosi studi con risultati contrastanti, ma tutto sommato confortanti. Questi studi difficili da eseguire e le conclusioni spesso criticabili perché non vi è un’omogeneità nelle popolazioni considerate. Inoltre, i tempi di studio sono molto lunghi e i metodi di rilevazione dei difetti congeniti non uniformi.

A questo proposito per un periodo di 3 anni, (da gennaio 2007 a dicembre 2009), è stato eseguito un interessantissimo studio in un unico ospedale spagnolo. Questo lavoro è stato condotto dall’equipe del Prof. Cabrera dell’Ospedale Virgen de Valme di Siviglia. Partendo da una valutazione retrospettiva dell’insorgenza di difetti congeniti nelle donne in gravidanza spontanea nella popolazione generale, si è cercato di valutare la possibile influenza delle tecniche di riproduzione assistita (FIVET-ICSI) sulla presenza di questi difetti congeniti.

La ricerca è stata effettuata con il Duo-test normalmente utilizzato in medicina prenatale: un test combinato per lo screening di anomalie cromosomiche (tra 11 e 13 settimane di gestazione). In seguito lo screening è stato completato con una ecografia morfologica eseguita a 18-22 settimane.

Durante il periodo di studio ci sono state un totale di 12.478 gravidanze con 12.748 neonati. Il 2,8% (349 casi) sono state gravidanze multiple, il tasso di parti cesarei è stato del 20,5%, l'età media delle donne in gravidanza è stata di 29 anni; il 16,8% delle donne erano di età inferiore o uguale a 35 anni, ed il 5,4% maggiore di 38 anni. L'età media gestazionale alla nascita era stata di 38 settimane.

Il gruppo di gravidanze ottenute da fecondazione assistita è stato del 4,15% sul totale (519 gravidanze) con un'età media di 34,1 anni e un tasso di gemellarità del 32%. Il gruppo di gravidanze spontanee era costituito da 11.959 gravidanze (95,8%) con un'età media di 28,4 anni e un tasso di gemellarità del 1,5%.

Dallo screening è stato evidenziato un qualche tipo di difetto congenito su 282 feti (2,26%). Sul totale dei nati, la percentuale di difetti congeniti è stata dell’1,6% (204 casi) con 78 casi di interruzioni di gravidanza (47 malformazioni strutturali e 31 anomalie cromosomiche). Si sono riscontrati 35 casi di anomalie cromosomiche (con una prevalenza dello 0,28%).

La sindrome di Down è risultata essere la più comune anomalia cromosomica (80% di tutte anomalie cromosomiche). La prevalenza di difetti congeniti nel gruppo proveniente da fecondazione assistita è stato del 3,08% (2,3% di malformazioni congenite e 0,77% di anomalie cromosomiche).

Nel gruppo delle gravidanze spontanee la prevalenza di difetti congeniti è del 2,2% (1,9% di malformazioni e anomalie cromosomiche del 0,25%). Nel gruppo proveniente da fecondazione assistita è stato trovato un aumento di malformazioni a carico del sistema nervoso centrale (20% contro 12,5%) e di quello cardiaco (70% contro 31%).

La piccola differenza in più che si rileva nei nati provenienti da fecondazione assistita potrebbe essere imputabile al fatto che si tratta comunque di coppie infertili e che proprio per questo (cioè non per la terapia di Fecondazione assistita eseguita) ci possa essere un maggior rischio di avere figli con difetti congeniti. Inoltre, questo gruppo era di età maggiore rispetto a quello delle gravidanze spontanee e ciò, come sappiamo, porta ad una maggior frequenza di difetti per anomalie cromosomiche.

L’analisi complessiva dei dati evidenzia che non sono state osservate tra i due gruppi differenze significative nella diagnosi di difetti congeniti. Si potrebbe concludere quindi che le tecniche di fecondazione assistita non rappresentano di per se stesse un motivo di aumento di rischio per l’insorgenza di malformazioni alla nascita.

 

* Per difetti congeniti si intendono quelle malformazioni di forma o di funzione di un organo che si creano prima della nascita. Questi possono colpire ogni tipo di organo e variano molto per gravità. La causa della loro origine e formazione si distingue in genetica, non genetica e multifattoriale (cioè dovuta alla interazione tra predisposizione genetica e fattori ambientali).

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI