Ecco quando è possibile donare il cordone ombelicale

 
E-mail Stampa PDF

Per la donazione del cordone ombelicale devono essere rispettati alcuni parametri di sicurezza

cellule-staminali-e-cordone-ombelicaleLa raccolta e la conservazione del sangue placentare devono essere eseguiti in conformità con le normative vigenti e con gli standard stabiliti a livello nazionale e internazionale che regolamentano la donazione e la manipolazione del sangue placentare. È importante sottolineare come la raccolta sia assolutamente scevra di rischi sia per la mamma che per il neonato. Il prelievo del sangue del cordone ombelicale va effettuato nel rispetto delle seguenti condizioni che rappresentano i criteri di inclusione per la donazione stessa.

Criteri di inclusione:

  1. Esclusi comportamenti a rischio noti per la diffusione di patologie infettive trasmissibili con il sangue, a carico della madre e/o del padre;
  2. Assenza di epatite B, epatite C, HIV e sifilide in entrambi i genitori;
  3. Assenza di malattie ereditarie genetiche, ematologiche e/o immunologiche della madre e/o del padre o nella famiglia;
  4. In caso di parto che si verifichi prima della 34° settimana, la raccolta è vietata soprattutto per le cause che possono determinarlo, oltre che per le ridotte dimensioni funicolari e placentari, che impediscono la raccolta di una dose cellulare di sangue placentare adatta al “banking” (conservazione). In particolare le cause scatenanti un parto pre-termine possono essere distinte in:
    • Malattie metaboliche (ipertensione, diabete, disordini tiroidei;
    • Malattie infettive (infezioni urinarie, cervico–vaginali, virali e batteriche);
    • Alterazioni strutturali del miometrio (patologia malformativa, fibromiomi, insufficienza cervico-istmica…).
    • Malformazioni fetali;
    • Allo–immunizzazione materno-fetale;
    • Infezioni fetali (da CMV e da toxoplasma in particolare).
    • Gravidanza multipla;
    • Rottura prematura delle membrane;
    • Sindrome vasculo-renale (pre-eclampsia, eclampsia).
  5. a. Cause materne:

    b. Cause fetali:

    c. Cause ostetriche:

     

  6. Assenza di malformazioni congenite del neonato;
  7. Rottura delle membrane inferiore alle 12 ore: una rottura intempestiva delle membrane può essere determinata da diversi fattori. Tra questi, quelli che possono essere motivo di esclusione dalla raccolta sono sicuramente le infezioni cervico-vaginali, che a volte possono decorrere in maniera del tutto asintomatica, cioè senza dare alcun sintomo. Conseguenza temutissima dell’evento di rottura prematura delle membrane è l’infezione endouterina, soprattutto per le conseguenze che può avere sul feto. È stato provato che la frequenza con cui questo evento si realizza è direttamente proporzionale al tempo che intercorre tra la rottura delle membrane e l’inizio del travaglio, tempo che può variare da poche ore ad alcuni giorni. L’infezione fetale che deriva da cervico-vaginiti può realizzarsi sia attraverso il liquido amniotico, causando una colonizzazione da parte dei germi dell’albero tracheo-bronchiale, sia attraverso i vasi ombelicali, provocando un interessamento del circolo ematico fetale, e quindi una sepsi;
  8. Assenza di febbre superiore a 38°C il giorno prima, il giorno stesso o seguente al parto;
  9. Assenza di stress fetale: prendendo come parametri di riferimento quindi un Ph dell’arteria e della vena ombelicale superiore a 7,10 ed un Apgar maggiore di 6. A questo proposito è importante sottolineare che attualmente, grazie anche ad uno studio svolto da collaboratori dell'Università Tor Vergata di Roma, la presenza di meconio nel liquido amniotico e di alterazioni cardiotocografiche non sono più considerati come segni di sofferenza fetale, ma come segni di “stato fetale non rassicurante” e pertanto non più considerati criteri che possano escludere la donazione;
  10. Tamponi vaginali negativi per lo Streptococco B-emolitico;
  11. Presenza del consenso informato firmato dalla madre donatrice che acconsente alla raccolta, al prelievo, al banking, ed alla donazione allogenica per trapiantare pazienti affetti da malattie ematologiche che non dispongano di donatore familiare e necessitino di trapianto, nonché all’esecuzione di test sierologici che andranno poi ripetuti a distanza di 6-12 mesi dal parto. La donna inoltre rinuncia ad avanzare diritti in futuro sull’Unità di SP essendo a conoscenza del fatto che non necessariamente, qualora ce ne fosse bisogno, tale Unità possa essere in futuro disponibile alla donazione per un figlio o un altro familiare.

A questi criteri di inclusione se ne possono di volta in volta aggiungere altri, sulla base della considerazione di eventi di natura socio-sanitaria di particolare rilevanza. Da non dimenticare, a questo proposito, l’esclusione alla donazione, poiché stabilito da una legge dello Stato Italiano, qualora la madre e/o il padre abbiano soggiornato in Gran Bretagna per un periodo minimo di sei mesi, anche non consecutivi, tra il 1980 ed il 1996, per il pericolo di avvenuto contatto con carni infette, provenienti da animali affetti dalla Sindrome di Creutzfeldt-Jacob.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Twitter: Claudio_Manna

 

 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI