Endometriosi: come è la vita delle donne dopo i trattamenti

Condividi
Tweet
 
Martedì 05 Novembre 2013 08:55 Scritto da Claudio Manna
Stampa

Uno studio in 10 paesi europei ci spiega che ancora il 50% delle donne soffre sintomi e disagi. Lo studio, condotto dal Prof. De Graaf, si proponeva di valutare le condizioni di benessere fisico, mentale e sociale di queste donne.

Uno studio in 10 paesi europei ci spiega che ancora il 50% delle donne soffre sintomi e disagi 

endometriosiL'endometriosi costituisce oggi la malattia femminile più diffusa nel mondo ed infatti si stima che riguardi tra il 2% ed il 10% delle donne in età riproduttiva. Questa percentuale sale addirittura al 30-45% nelle donne che lamentano infertilità e/o dolore pelvico.

Le terapie attualmente disponibili sono l'uso di analgesici, ormoni, interventi chirurgici, fecondazione assistita (IUI, FIVET, ICSI).

I medici valutano il successo delle loro terapie in base alla riduzione dei sintomi e delle lesioni endometriosiche. Le pazienti lo valutano in base al miglioramento della loro qualità di vita.

In che misura il trattamento dell'endometriosi e dei suoi sintomi influisce sulla qualità di vita di queste donne rispetto al periodo  precedente  le varie terapie?

E' quanto uno studio condotto dalle università di Maastricht (Olanda) e di Lovanio (Belgio) si è proposto di indagare, analizzando 931 questionari compilati da altrettante donne affette da endometriosi e già trattate per questa malattia in 10 paesi europei. Lo studio, condotto dal Prof. De Graaf, si proponeva di valutare le condizioni di benessere fisico, mentale e sociale di queste donne. In effetti le pazienti che hanno risposto validamente al questionario erano solo il 29% di tutte quelle invitate a partecipare, ma ci danno un idea precisa di quanto il fenomeno esaminato era esteso  e reale.

I risultati hanno evidenziato che l'endometriosi influirono sul lavoro nel 51% dei casi e  le relazioni sociali peggiorarono nel 50% delle donne.  Per quanto riguarda i sintomi i dolori mestruali permanevano nel 59% delle intervistate, il dolore durante i rapporti sessuali nel 56% dei casi e il dolore pelvico nel 60%.

Questi risultati riguardano donne con endometriosi in tutte le possibili fasi di questa diffusa malattia e purtroppo dimostrano che nonostante le terapie la qualità di vita è ancora significativamente ridotta rispetto alle donne senza endometriosi. Il dolore pelvico cronico e quello legato ai rapporti sessuali rappresentano i maggiori elementi che condizionano la qualità di vita di queste donne.

E' possibile che una diagnosi ed un trattamento precoce possano prevenire parte dei sintomi e della progressione dell'endometriosi