Endometriosi profonda, cosa sapere per affrontare la terapia

 
E-mail Stampa PDF

Il trattamento più efficace è quello chirurgico. L'unica strada per una vera riduzione dei sintomi

endometriosi_doloriLa terapia per l'endometriosi profonda è chirurgica e consiste nell'asportazione radicale dei focolai. Viene eseguita preferibilmente per via laparoscopica in centri specializzati nella diagnosi e nel trattamento di questa malattia. Gli studi scientifici dimostrano che esiste un forte legame tra la radicalità dell'asportazione chirurgica (cioè quanto tessuto malato il chirurgo è riuscito ad eliminare) e il miglioramento dei sintomi che la donna lamenta. Trattare l'endometriosi profonda in pratica vuol dire asportare in maniera radicale la malattia e ripristinare la normale anatomia pelvica: questa naturalmente è anche la scelta migliore per le pazienti in età fertile. La presenza di endometriosi sotto forma di noduli che coinvolgono i visceri pelvici (intestino, vescica ecc.) rendono la malattia poco trattabile con i farmaci. Questa situazione richiede un approccio chirurgico complesso e multidisciplinare che coinvolge cioè ginecologi, chirurghi e urologi.

La diagnosi preoperatoria o il sospetto diagnostico è fondamentale per programmare l'intervento opportuno. La qualità della chirurgia si basa su due presupposti irrinunciabili: l'esperienza del chirurgo e la strumentazione. La prima è il risultato della pratica clinica e delle conoscenze teoriche. Un'equipe multidisciplinare, infatti, è fondamentale perché l'endometriosi coinvolge organi diversi e richiede quindi competenze ben codificate in ogni settore di specializzazione.

In Italia esistono pochi centri di endoscopia ginecologica avanzata che sono punti di riferimento internazionale sia per il trattamento endoscopico delle malattie ginecologiche sia per la diagnosi e il trattamento dell'endometriosi. Il ruolo dei centri di riferimento è pertanto fondamentale per la formazione teorica e pratica del ginecologo chirurgo inteso come una nuova figura professionale in grado di gestire questa chirurgia complessa. La qualità della chirurgia può influenzare infatti la qualità della vita.

Altro punto di forza nel il trattamento dell'endometriosi profonda è la disponibilità di tecnologie avanzate. In pratica la conservazione dell'anatomia addomino-pelvica, che presuppone una precisa conoscenza della materia stessa, è il requisito fondamentale per questo tipo di chirurgia in quanto rappresenta il presupposto per migliorare la fertilità, la sintomatologia e ridurre le complicanze.

La difficoltà del trattamento, l'alta percentuale di recidive, le gravi ripercussioni sulla qualità della vita in termini di dolore pelvico e di infertilità nonché gli alti costi sociali ed economici sono gli aspetti che necessitano di un grande approfondimento scientifico per migliorare l' approccio alla cura di questa vera e propria malattia sociale. Per questo sarebbe molto utile promuovere una campagna informativa rivolta a tutta la popolazione, che spesso non conosce questa malattia e le gravi conseguenze che ne derivano.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Twitter: @Claudio_Manna

 

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI