I farmaci utilizzati nella fecondazione assistita aumentano il rischio di tumore al seno?

 
E-mail Stampa PDF

I farmaci utilizzati nella fecondazione assistita aumentano il rischio di tumore al seno?I dati scientifici ricavati dai principali studi finora pubblicati non consentono di dimostrare una relazione di causa-effetto tra questa neoplasia e l'uso di farmaci per l'infertilità.

I farmaci usati nei trattamenti di fecondazione assistita sono principalmente le gonadotropine (ormoni FSH, LH e hCG), scoperte nel 1940 ed introdotte nei protocolli terapeutici a partire dagli anni ꞌ60. La comunità scientifica ha sempre prestato attenzione ai possibili effetti collaterali di questi farmaci e in particolare all’eventualità di sviluppo di tumori quali, ad esempio, quello della mammella che colpisce una donna su 8 nel corso della vita. Al presente, un rilevante numero di studi attendibili consente di esprimere conclusioni rassicuranti sull’uso di questi farmaci. Nel 2005 alcuni ricercatori del St George’s Hospital hanno pubblicato una revisione di ben 15 studi scientifici. Le conclusioni in 11 di questi, relativi a 60.050 donne trattate con stimolatori dell’ovulazione, non hanno mostrato associazione significativa tra i farmaci ed il rischio di sviluppare il cancro. Gli altri 4 studi, detti “caso-controllo”, relativi ad 11.303 donne con tumore al seno (casi) e a 10930 donne sane (controlli), hanno dimostrato che, tra le donne che avevano sviluppato il tumore, la percentuale di quelle sottoposte a trattamenti per l'infertilità non era significativamente diversa da quella delle donne sane.

A conclusioni simili erano giunti altri importanti studi.

Nel 2007 l'American Journal of Epidemiology pubblicò i risultati di un imponente lavoro danese, condotto su 54.362 donne infertili, che non evidenziò un aumento del rischio di cancro in conseguenza dell'uso di induttori dell’ovulazione.

Inoltre è degno di nota il fatto che i recenti progressi, compiuti nella lotta contro il cancro al seno, comprendono nuove tecniche volte prima a preservare la fertilità nelle pazienti affette dal cancro e poi, al termine delle cure, a consentire loro di accedere ad un percorso di fecondazione assistita. Infatti per queste donne esistono protocolli di stimolazione farmacologica specifici che utilizzano, oltre alle gonadotropine, i cosiddetti  “inibitori delle aromatasi” (letrozolo).

In conclusione, sebbene il tumore al seno possa essere influenzato in alcune circostanze  dagli ormoni, i dati scientifici attualmente disponibili, derivanti dall'analisi di tutti gli studi pubblicati, non permettono di dimostrare una relazione di causa-effetto tra questa neoplasia e l'uso di farmaci per l'infertilità.

Fonti:

Int J Fertil Womens Med. 2005 Nov-Dec;50(6):259-66
In vitro fertilization and breast cancer risk: a review.
Salhab M, Al Sarakbi W, Mokbel K

Placenta. 2008 Oct;29 Suppl B:169-77
Infertility as a cancer risk factor - a review.
Cetin I, Cozzi V, Antonazzo P.

Lancet. 1999 Nov 6;354(9190):1586-90
Risk of cancer after use of fertility drugs with in-vitro fertilisation.
Venn A, Watson L, Bruinsma F, Giles G, Healy D.

Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2007 Jul;16(7):1400-7
Risk of breast cancer after exposure to fertility drugs: results from a large Danish cohort study.
Jensen A, Sharif H, Svare EI, Frederiksen K, Kjaer SK.

Fertil Steril. 2012 Dec;98(6):1363-9
Ovarian stimulation and fertility preservation with the use of aromatase inhibitors in women with breast cancer.
Reddy J, Oktay K.

 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI