Come nasce la laparoscopia moderna

 
E-mail Stampa PDF

Questa tecnica consente di affrontare l'80% degli interventi chirurgico-ginecologici

laparoscopia_30La laparoscopia è una moderna tecnica chirurgica utilizzata per il trattamento di diverse patologie ginecologiche. La chirurgia laparoscopica in ginecologia nasce in Europa nel 1940 ad opera di Raul Palmer ginecologo parigino il quale usò l’endoscopica (metodo di esplorazione dal punto di vista medico che permette di visualizzare l'interno del corpo o di un organo) per esaminare le tube nei casi di infertilità.

Le prime patologie curate con la laparoscopia. La prima procedura chirurgica interamente effettuata per via laparoscopica fu la sterilizzazione tubarica. Ovviamente lo sviluppo della chirurgia mini invasiva operativa andò di pari passo con l’evoluzione tecnologica. Sicuramente l’introduzione dell’uso della telecamera applicata al laparoscopio ha permesso un rapido sviluppo di questa tecnica dal momento che consentiva all’operatore di avere entrambi le mani libere per operare e permetteva anche agli assistenti di seguire l’intervento sul monitor. Il laparoscopio è uno strumento fornito di un sistema di illuminazione e di un sistema ottico che consente la visione dell’interno della cavità addominale. Ha la forma di un sottile cilindro allungato dentro il quale scorrono fibre ottiche. Ad una delle due estremità c'è una lente. All'estremità opposta ci sono gli attacchi per la telecamera e per l’illuminazione.

La laparoscopia e la fecondazione assistita. I primi interventi effettuati riguardarono patologie annessiali cioè delle tube e delle ovaie come cisti ovariche, aderenze ed occlusioni tubariche e per le gravidanze extrauterine. Fu proprio grazie a questo strumento che fu possibile nel 1978 far nascere la prima bambina con la Fecondazione in Vitro. Infatti grazie a questo strumento Patrick Steptoe riuscì a prelevare l’ovocita dal follicolo ovarico per darlo a Robert Edward (premio Nobel per la Medicina) il quale avrebbe ottenuto, per la prima volta, la formazione di un embrione al di fuori del corpo.

I progressi della tecnica. Perfezionandosi lo strumentario chirurgico laparoscopico e sviluppandosi le tecniche di sutura fu possibile ampliare la gamma degli interventi effettuabili. Nel 1979 il ginecologo tedesco Kurt Semm, un vero pioniere e precursore della laparoscopia dell’era moderna, descriveva la prima miomectomia laparoscopica: all’asportazione meccanica del mioma seguiva l’applicazione dei punti di sutura per via laparoscopica. Negli Stati Uniti, nel 1989 il ginecologo Harry Reich effettuava la prima isterectomia (operazione chirurgica che serve a rimuovere l’utero) totalmente laparoscopica.

Piccole incisioni, grandi risultati. La massima “grande chirurgo, grande taglio” è sempre stata comunemente associata alla chirurgia addominale per dire che un chirurgo deve avere una visione la più possibile ampia del campo operatorio. Noi tutti però oggi sappiamo che questo punto di vista non può più considerarsi attuale. La grandezza di un intervento chirurgico non va di pari passo con la grandezza dell’incisione chirurgica. La laparoscopia infatti ha vantaggi enormi: limita in maniera considerevole il trauma addominale, con l’utilizzo di piccole vie di accesso (massimo 1,5cm) e consente di eseguire esattamente gli stessi interventi che si effettuerebbero altrimenti con un’incisione sull’addome. Le crescenti conoscenze della fisiologia umana, il perfezionamento delle tecniche operatorie laparoscopiche e lo sviluppo tecnologico di apparecchiature e strumentari laparoscopici sofisticati hanno reso possibile eseguire anche interventi molto complessi in cavità addominale. Si può affermare che in condizioni ideali più dell’80% della patologia benigna ginecologica che necessita di intervento chirurgico può essere oggi trattata con la laparoscopia.

 

Altri Articoli - Riproduzione

Prof.Iorio, dieta mediterranea, attività fisica, abolizione/riduzione di fumo e alcool e un uso oculato di omega-3 combattono lo stress ossidativo mantenendo vitali e in buona salute i gameti
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI