Le malattie dell'ovaio. La prevenzione e le cure possibili

 
E-mail Stampa PDF

Le patologie che colpiscono l'organo possono essere affrontate con la chirurgia o con la pillola anticoncezionale

ovaio-policistico_30L’ovaio può essere interessato da malattie sia benigne che maligne, le quali possono originare da complessi tissutali ben precisi. I tessuti ovarici che sono maggiormente colpiti da malattie sono: l'Epitelio che si chiama cubico per la forma delle sue cellule, detto anche epitelio di superficie dell’ovaio (formato da un singolo strato di cellule cuboidali che costituisce la parete dell'ovaio esterna o “corticale”), cioè la zona dove avviene l’ovulazione; e lo Stroma ovarico, la zona cosiddetta germinale perché contiene gli ovociti (la parte che produce gli ormoni ovarici, in particolare estrogeni e progesterone.

La maggior parte delle lesioni benigne (cisti ovariche) sono di tipo endometriosico, seguite dalle cisti dermoidi e da quelle funzionali (per esempio un follicolo che non ha ovulato dopo essere cresciuto). Molto spesso le cisti ovariche sono piccole sacche piene di liquido che si sviluppano nelle ovaie di una donna. La maggior parte di queste sono innocue, ma alcune possono causare problemi come la rottura, sanguinamento o dolore. In questo caso la chirurgia può essere necessaria per rimuovere la cisti.

Le formazioni benigne che possono originare dall’ovaio sono:

1) Cisti follicolari

2) Cisti luteiniche o corpi lutei cistici

3) Sindrome dell’ovaio policistico

4) Cisti tecoluteiniche

5) Tumori ovarici benigni (solidi, cistici o misti perché c’è l’associazione di una struttura solida e una cistica ossia fluida).

 

Le neoplasie ovariche benigne più frequenti sono:

  • Cisti endometriosica (o endometrioma)
  • Cistoadenoma sieroso
  • Cistoadenoma mucinoso
  • Teratomi , il più frequente è la cisti dermoide (15% di tutte le neoplasie ovariche benigne)
  • Tumore di Brenner
  • Fibroma ovarico
  • Tumore tipo Borderline (cisti che ha caratteri di malignità ma è priva della possibilità di dare metastasi a distanza).

Per quanto riguarda le patologie maligne la maggior parte sono quelle che derivano dall’epitelio di rivestimento, meno frequenti quelle derivanti dallo stroma.

La terapia delle patologie ovariche dipende dall’età, dal tipo e dalla dimensione della cisti e dai sintomi. Il medico curante ginecologo può suggerire in pratica:

  1. Una visita di controllo più ecografia dopo qualche mese dalla prima scoperta della cisti se:
  • siete in età fertile,
  • non avvertite alcun sintomo,
  • l’ecografia evidenzia una cisti sola, a contenuto liquido.

L’ecografia pelvica a intervalli regolari è utile per controllare se le dimensioni della cisti aumentano nel tempo.

2. Pillola anticoncezionale per ridurre il rischio di sviluppare altre cisti durante i cicli mestruali successivi. I contraccettivi orali hanno anche il vantaggio di ridurre in maniera significativa il rischio di tumore alle ovaie, rischio che diminuisce proporzionalmente alla durata dell’assunzione stessa.

3. Intervento chirurgico di rimozione della cisti se è di grandi dimensioni, non è di natura funzionale, le sue dimensioni aumentano o continua a essere presente anche dopo due o tre cicli mestruali e se provocano dolore o altri sintomi.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI