Non è giusto che io debba fare tutto e lui solo uno spermiogramma

 
E-mail Stampa PDF

Cosa appare nella donna quando si confronta con il problema dell’infertilità

Cosa appare nella donna quando si confronta con il problema dell’infertilità “Non è giusto che io debba fare tutti questi esami e poi punture, ecografie, interventi e tanto altro ancora mentre a lui venga richiesto solo un semplice spermiogramma!”

Accade sempre più  spesso che nell’ infertilità di coppia  la donna si lamenti davanti al medico ed al suo partner maschile di una differenza troppo spiccata tra i partner nel carico di esami e terapie da eseguire per cercare di avere un figlio.

Ricordo invece che diversi anni fa (almeno 15) questo atteggiamento era molto saltuario e la donna accettava come fatto naturale la necessità di sottoporsi ad esami molto numerosi ed invasivi per accertare le cause dell’infertilità (isterosalpingografia, laparoscopia, esami del sangue ecc.). Generalmente anche le terapie, specie se vengono utilizzate tecniche di fecondazione assistita, richiedono  interventi diretti e costanti sul corpo della donna (iniezioni di ormoni, monitoraggio ecografico, prelievo ovocitario, transfer degli embrioni).

In realtà questo avviene perché il sistema riproduttivo femminile in vista della gravidanza è strutturato in una maniera  che sono molti ed appaiono  situati profondamente gli organi e le funzioni  che devono essere  controllati (utero, ovaie, ovulazione, impianto dell’embrione) . Nell’uomo, invece, gli organi fondamentali si trovano praticamente all’esterno del corpo (testicoli,  uretra e pene) e le principali funzioni riproduttive sono verificabili in un liquido che viene emesso facilmente fuori del corpo (liquido seminale analizzabile con lo spermiogramma).

Riconoscere questa realtà è fondamentale, perché ci rende consapevoli dei motivi per cui  può apparire squilibrato tra i Non è giusto che io debba fare tutto partner il carico dei esami e interventi per indagare e risolvere il  problema dell’ infertilità. Può essere inappropriato, pertanto, parlare di “ingiustizia” in questi casi come se fosse difficile cioè accettare la propria realtà biologica.

Un possibile rischio di tale atteggiamento è l’allontanamento dalla propria identità di genere (femminile nella fattispecie), che potrebbe generare conseguenze anche spiacevoli nel rapporto con se stessi e con il partner nella gestione di  problemi come quello dell’infertilità di coppia.  

15 o 20 anni fa ricordo che gli esami e le terapie alle quali le partner femminili delle coppie si sottoponevano venivano vissute con molta più accettazione, determinazione e pazienza.  Questo atteggiamento  generava probabilmente meno stress rispetto ad oggi. Era come se l’obiettivo della gravidanza fosse talmente importante nelle priorità della propria  vita da alleggerire la percezione della fatica da sopportare in vista del premio .

Certamente oggi influiscono tanti altri fattori nella percezione della fatica come ad esempio la maggiore complessità della vita quotidiana, specie in Italia, oltre alla sopraggiunta crisi economica.

Riesce duro tuttavia comprendere come i nonni nel dopoguerra non avevano praticamente più nulla eppure per i figli le coppie erano disposte a fare tutto senza attendere troppo tempo.

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI