"Izumo" e "Juno" responsabili dell’inizio del processo di fecondazione

 
E-mail Stampa PDF

Identificata la proteina di membrana degli ovociti che permette l’inizio del processo di fecondazione

Identificata la proteina di membrana degli ovociti che permette l’inizio del processo di fecondazioneLa fecondazione avviene quando spermatozoo e ovocita si riconoscono a vicenda e si fondono per formare un nuovo organismo geneticamente distinto. La fusione della membrana dello spermatozoo e della cellula uovo è l'evento iniziale della fecondazione a cui segue, dopo poche ore, la fusione dei patrimoni genetici materno e paterno.
Le basi molecolari di riconoscimento spermatozoo - ovocita sono state sino ad ora sconosciute, ma è probabile che richiedono interazioni tra proteine recettori visualizzati sulla loro superficie.
Nel 2005, alcuni ricercatori giapponesi avevano isolato una proteina specifica dello spermatozoo presente sulla superficie cellulare chiamata "Izumo", che consente la fusione con l'ovocita. La sua controparte nella cellula uovo era però rimasta sino ad ora sconosciuta, sia per le difficoltà di lavorare con un piccolo numero di ovociti, sia perché le interazioni tra le proteine coinvolte avvengono in un lasso di tempo estremamente breve.

Adesso il recettore delle cellule uovo dei mammiferi, che permette allo spermatozoo di riconoscerle, agganciarle e fecondarle è stato identificato da un gruppo di biologi del Wellcome Trust Sanger Institute di Cambridge, in Gran Bretagna, che illustrano la ricerca in un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Nature. Tale proteina è stata battezzata "Juno" in onore alla dea della fertilità Giunone.

Lo studio ha dimostrato che l'interazione Izumo- Juno è presente all'interno di diverse specie di mammiferi, compreso l'uomo. Quando i due recettori Izumo e Juno si collegano sulla superficie dell’ovocita si crea un blocco della membrana dell’ovocita assicurando la fusione con un solo spermatozoo.
Ovociti che non esprimono il recettore Juno non sono in grado di fondersi con uno spermatozoo normale che esprime sulla sua superficie la proteina Izumo.

Dalla scoperta all'utilizzo pratico-COMMENTO:

La scoperta del meccanismo di funzionamento di un sistema biologico rappresenta solo il primo passo. Lo sforzo che devono fare i ricercatori è quello di analizzare i geni che codificano le proteine, coinvolte nel meccanismo, per capire e trovare su cosa agire per sopperire all’eventuale danno biologico per il mancato o errato funzionamento e rendere quindi pratica sul piano clinico la loro scoperta.

Da Nature 16 aprile 2014

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI