Le cellule staminali da placenta: una fonte inesplorata?

 
E-mail Stampa PDF

Nella placenta c'è una riserva di cellule staminali maggiore rispetto al cordone ombelicale

placenta_embrione_fetoLa placenta dopo il parto potrebbe essere conservata attraverso la crioconservazione (il procedimento simile applicato al cordone ombelicale), poiché contiene una riserva di cellule staminali ancora maggiore rispetto al sangue cordonale. Uno dei motivi risiederebbe nel fatto che attraverso la placenta si attuano gli scambi metabolici tra la madre ed il feto e che lo spazio di scambio tra il sangue materno e quello fetale è minimo.

Uno studio condotto all’UCLA (University of California – Los Angeles), ha dimostrato che i primi vasi sanguigni nei quali si sviluppano le cellule staminali emopoietiche sono le arterie placentari. In questa sede avrebbe inizio la loro proliferazione per poi spostarsi in altre sedi dove espandersi e maturare in strutture cellulari differenziate. Esiste però una quota di cellule staminali, in grado di rimanere allo stadio indifferenziato e residente nel cosiddetto labirinto vascolare della placenta, dove sono sostenute dagli scambi gassosi e dai fattori di crescita.

Le cellule staminali della placenta possono essere impiegate con risultati positivi nella cura delle anemie aplastiche come in particolari applicazioni terapeutiche. Una delle applicazioni più certe è la differenziazione di cellule staminali placentari in cellule muscolari e in cellule neuronali. Nelle procedure di trapianto, l’impiego delle cellule staminali placentari ha un vantaggio notevole, per vari motivi:

  1. le cellule staminali placentari sono immature e pertanto rendono possibile un trapianto donatore-ricevente anche tra soggetti non perfettamente compatibili;

  2. rispetto alle cellule midollari il tempo entro il quale sono a disposizione, prima dei controlli specifici è di 30-40 giorni contro i 4-5 mesi di una donazione da midollo;

  3. c’è un rischio di contaminazione virale basso grazie ai controlli pre e post parto;

  4. possono essere conservate per periodi lunghi, in appositi contenitori con azoto liquido a -190 °C.

Sembra che la regione della placenta più ricca di staminali sia l’amnion, ossia lo strato più esterno del sacco amniotico, nella quale si concentrerebbero le cellule pluripotenti. Queste sono state studiate in base al loro profilo molecolare, determinando sulla loro superficie la presenza di molecole espresse solamente da cellule embrionali fino a questo momento. Questo punto sarebbe cruciale perché più che mai confuterebbe l’ipotesi e gli studi già praticati sul campo, che le celllule placentari hanno un potenziale differenziativo maggiore, in particolare in strutture molto difficili da riprodurre, quali le fibrocellule muscolari e i neuroni.

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI