Trattare l'endometriosi con i farmaci

 
E-mail Stampa PDF

Il problema può essere alleviato con farmaci che elimino il dolore, o con contraccettivi orali

endometriosiAttualmente un trattamento standard per la cura dell’endometriosi è difficile da definire, sia per le incertezze sulle cause del dolore nelle pazienti affette da questo problema, sia per le differenti risposte alle terapie. Quelle attualmente disponibili sono utili per:

  1. attenuare e, talvolta, risolvere i sintomi;

  2. facilitare la fertilità;

  3. rimuovere le lesioni endometriosiche e ripristinare l’anatomia della pelvi.

La scelta del tipo di trattamento si basa su diversi fattori:

  1. dimensioni delle lesioni endometriosiche,

  2. posizione ed estensione della malattia,

  3. tipo e severità dei sintomi,

  4. desiderio o meno di gravidanza ed età della paziente.

A nostra disposizione abbiamo le terapie farmacologiche, destinate alla riduzione del sintomo, cioè del dolore. A seguire abbiamo la terapia medica ormonale, che punta a ridurre il livello degli ormoni estrogeni in modo da provocare un’atrofia (riduzione) delle lesioni di endometriosi, ponendo un freno allo sviluppo dell’endometriosi ma anche per ridurre il dolore. In conclusione, il trattamento chirurgico che può essere conservativo, con lo scopo di eliminare solo la malattia, oppure radicale, e cioè volto a rimuovere gli organi interessati dall’endometriosi come per esempio l'utero e le ovaie.

La malattia però, sia dopo una terapia medica che chirurgica, è gravata da possibilità di recidiva dei sintomi e/o delle lesioni.

Il trattamento medico prevede il ricorso a farmaci antidolorifici antinfiammatori non steroidei, efficaci nel ridurre il dolore associato ad endometriosi, ma occorre prendere in considerazione i significativi effetti collaterali, compresi il rischio di ulcera gastrica e il blocco dell’ovulazione se l’assunzione avviene a metà ciclo.

La terapia ormonale, sopprimendo la funzione ovarica, riduce il dolore associato all’endometriosi. La scelta tra le diverse preparazioni (contraccettivi orali, progestinici, gestrinone, danazolo e GnRHa) deve necessariamente tener conto degli effetti collaterali e dei costi, dal momento che queste preparazioni farmacologiche hanno efficacia simile nell’alleviare i sintomi associati alla malattia endometriosica. Secondo le linee guida del Royal College of Obstetrician and Gynaecologist in una donna che non è alla ricerca di una gravidanza, senza evidenza di masse pelviche, è indicato un trattamento con contraccettivi orali o progestinici per il dolore, e non c'è la necessità di effettuare una laparoscopia di conferma in prima istanza.

Il trattamento con GnRHa per tre mesi è efficace sul dolore quanto quello a sei mesi e l’associazione con estro-progestinici («add-back therapy»), sino ad un massimo di due anni, è efficace sul dolore e ci assicura la protezione della densità dell’osso. Infatti i GnRHa provocano una menopausa temporanea e pertanto il rischio di osteoporosi è elevato.

Inoltre, non vi sono evidenze scientifiche a sostegno di una terapia medica di questo o altri tipi prima dell’intervento chirurgico.

Come riportato dalla dalla Agenzia Italiana del Farmaco, i trattamenti farmacologici sono:

  1. utili per il trattamento ormonale il danazolo, il medrossiprogesterone, il gestrinone, gli analoghi del GnRH

  2. probabilmente utili nel postoperatorio i contraccettivi orali;

  3. di utilità non determinata è il diidrogesterone.

E’ importante sapere che se la terapia medica riesce ad agire da un punto di vista sintomatologico d’altra parte non modifica il decorso della malattia né tanto meno porta ad ottenere una guarigione. Ecco perché il trattamento medico dell’endometriosi si pone come obiettivo quello di tenere la patologia in uno stato di stand-by in funzione della vita riproduttiva della donna. I meccanismi che risultano influire positivamente sull’endometriosi e che vengono ottenuti in misura diversa con i farmaci citati sono:

  1. una riduzione della mestruazione

  2. il blocco dell’ovulazione

  3. l’ipoestrogenismo

Gli analoghi del Gn-Rh, i contraccettivi orali, i progestinici ed il danazolo infatti sono in grado sia di ridurre la mestruazione sia di bloccare l’ovulazione, ma anche sui sintomi in genere risultano efficaci. Tuttavia, una volta sospesa la terapia, di regola si assiste alla ricomparsa degli stessi.

Gli effetti della terapia medica variano a seconda dello stadio della malattia. Nel I e II stadio gli effetti della terapia medica sul dolore presentano una buona efficacia, mentre nel III e IV stadio dell’endometriosi la terapia medica da sola non è indicata ma deve necessariamente accompagnarsi alla terapia chirurgica. La chirurgia risulta essere infatti uno strumento terapeutico efficace nella cura del dolore pelvico e della sterilità associati ad endometriosi.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Twitter: @Claudio_Manna

 

 

Altri Articoli - Riproduzione

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI