Nanoparticelle, nuovi rischi per la fertilità maschile

 
E-mail Stampa PDF

nanoparticelleIl sistema riproduttivo maschile potrebbe essere danneggiato da nuovi particolati che si ritrovano sempre più spesso nell’ambiente: le Nanoparticelle. Quello che sembra innovazione e progresso può nascondere infatti, infide sorprese. Presentate come il più avanzato ritrovato tecnologico, le nanoparticelle sono già in uso in molti prodotti di largo consumo: nei cosmetici, nelle creme solari, nei materiali per otturazioni dentali, cerotti transdermici, nei tessuti e nel cibo, nei detersivi, nei giocattoli, praticamente ovunque. Ma che conseguenze hanno sulla nostra salute? Possono essere considerate innocue?

Le nanoparticelle sono piccolissime, ottantamila volte più piccole del diametro di un capello, sono reattive e bioattive e possono penetrare facilmente negli organi e nelle cellule per inalazione o per assorbimento da contatto. Una ricerca presentata dall’Università Statale del Michigan in collaborazione con l’Università di Rochester ha evidenziato che le nanoparticelle di carbonio prodotte da combustione sono sottoprodotti degli impianti termoelettrici a carbone, dei termovalorizzatori, degli inceneritori della spazzatura e delle macchine diesel. Si trovano anche nella produzione di “carbonio nero” utilizzato nella produzione dei pneumatici, nei componenti per vernici e negli inchiostri. La preoccupazione principale riguarda perciò i possibili effetti su chi è quotidianamente esposto alle cosiddette nanoparticelle.

In realtà nessuno sa ancora con certezza dove vadano a finire, come vengano metabolizzate e come reagiscono con l' organismo, ma non si possono escludere conseguenze per la salute. Gli studi effettuati sono ancora pochi; si tratta soprattutto di prove in vitro, o di test su animali, in cui si è già evidenziato qualche problema a livello dell’apparato respiratorio e nell' apparato cardiovascolare.

Per approfondire la tossicità potenziale delle nanoparticelle di carbonio, Jack Harkema, docente di Patobiologia e Ricerca Diagnostica all’Università Statale del Michigan e i suoi collaboratori hanno esposto alcuni topi di laboratorio alle nanoparticelle ed hanno riscontrato danni proporzionali al tempo di esposizione e tanto maggiori quanto minore è la dimensione delle particelle stesse.

A riguardo, è stato condotto anche uno studio nel 2009 dall’Università giapponese Oita, riportato anche dalla rivista scientifica “Fertility e Sterility”. In quel caso sono state somministrate nanoparticelle di carbonio a topi in gestazione ed è stata poi valutata la capacità riproduttiva della prole di sesso maschile. L'esame istologico ha mostrato un danneggiamento parziale dei tessuti e dei tubuli seminiferi.

Questi risultati suggeriscono che l'esposizione fetale alle nanoparticelle è teratogena ed in particolare influenza la funzione riproduttiva della prole maschile. Saranno necessari ulteriori studi per chiarire i meccanismi con cui le nanoparticelle inducono disordini all’apparato riproduttivo maschile. Sebbene gli effetti delle nanoparticelle sugli umani debbano essere ancora determinati, è opportuno fare molta attenzione a questo problema per stabilire i limiti di esposizione lavorativa e ambientale, per proteggere la salute umana.

 

Altri Articoli - Andrologia

L'importanza di aumentare i rapporti sessuali nell'infertilità anche nel corso delle terapie.
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI