Padri anziani? Figli a rischio

 
E-mail Stampa PDF

padri-anzianiNegli ultimi anni, il lavoro richiede una sempre maggiore istruzione e formazione professionale. Ciò ha contribuito alla tendenza sia per gli uomini che per le donne ad avere figli in età più avanzata rispetto al passato.

Negli Stati Uniti i Centers for Disease Control presentano regolarmente rapporti sulle tendenze dei tassi di natalità. Questi analizzano una serie di parametri, tra cui l'età materna. I dati femminili forniscono informazioni sulle tendenze riproduttiva per coppie negli Stati Uniti. Negli ultimi anni, i tassi di natalità per le donne tra i 30 e 40 anni hanno continuato ad aumentare. Ne consegue che anche l'età paterna è in aumento, e la gamma di possibili effetti che l'avanzare dell'età paterna può avere sui figli è fonte di crescente attenzione nella letteratura medica. E’ stato a lungo ipotizzato che la prole di padri anziani possa essere più sensibile ad una vasta gamma di problemi come l’aumento di aborto spontaneo e disturbi quali l'acondroplasia, la schizofrenia e l'autismo per citarne alcuni. Il grado esatto in cui l'età paterna avanzata produce un aumentato rischio per questa gamma di disturbi varia e non è ancora ben definito.

In America si è iniziato ad includere, nella consulenza genetica per le coppie che vogliono un figlio in età avanzata, la valutazione di eventuali problemi genetici trasmissibili da padri con un'età superiore ai 40 anni. Alcuni dati recenti pubblicati dal dottor J.Sandlow e dal dr. Bhandari del Dipartimento di Urologia della Northwestern University di Chicago e il Dipartimento di Urologia del Medical College del Wisconsin hanno messo in evidenza che sono sempre più prevalenti, nella prole di padri con età superiore ai 40 anni, difetti cromosomici e genetici,oltreché un aumento delle frammentazioni del DNA e dei processi di apoptosi degli spermatozoi .Lo studio afferma inoltre che le patologie più frequenti sono l‘acondroplasia, la neoplasia endocrina multipla e sindrome di Pfeiffer. In base ai dati raccolti, il Sandlow ha affermato inoltre che non vi sono prove di un aumento nei figli di padri più anziani delle anomalie cromosomiche, tranne per due eccezioni: la sindrome di Klinefelter e la trisomia 21. Questo si spiegherebbe con il fatto che i padri anziani hanno un maggior numero di spermatozoi difettosi e che quindi questi difetti possono essere trasmessi ai propri figli, come anche spiegato dall'American Society for Reproductive Medicine.

Questi nuovi dati hanno spinto la comunità scientifica ad una revisione del limite massimo di età per i donatori di sperma, che dovrebbe essere sotto i 40 anni. Infatti anche nel Regno Unito le linee guida per i controlli medici e di laboratorio di sperma, uova, e donatori di embrioni, pongono il limite massimo di età di potenziali donatori di sperma entro i 40 anni. Tuttavia non ci sono linee guida specifiche in materia di consulenza e di screening per le coppie in cui il futuro padre “anziano”.

Ulteriori studi potrebbero fornire maggiori informazioni a questo problema e permettere di offrire un consiglio più efficace alle coppie che giungono alla ricerca di un figlio in tarda età.

 

Altri Articoli - Andrologia

L'importanza di aumentare i rapporti sessuali nell'infertilità anche nel corso delle terapie.
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI