Incurvamento del pene, un problema risolvibile

 
E-mail Stampa PDF

INCURVAMENTO_PENEIl disturbo dell'incurvamento del pene interessa sei maschi su mille ma spesso chi ne soffre non rivela il proprio problema e non chiede aiuto per la vergogna. Un’accurata visita da uno specialista ed un corretto trattamento potrebbero invece risolverlo.

Per incurvamento penieno si intende una deviazione anomala del pene durante l’erezione, che può acquisire una vera e propria curvatura patologica tale da rendere impossibile la penetrazione. Può essere congenito, se presente sin dalla nascita, o acquisito, se l’insorgenza è successiva e legata a traumi o patologie concomitanti.

Quali sono le cause più comuni? L’incurvamento penieno congenito (Recurvatum Penis) si ritiene dovuto ad un disarmonico sviluppo dei tessuti del pene (corpi cavernosi e/o corpo spongioso) durante i primi anni di vita. Può presentare gravità di curvatura e direzioni diverse: la deviazione più spesso si manifesta ventralmente (verso l’addome) e talora lateralmente (con maggiore frequenza a sinistra).

L’incurvamento penieno acquisito è dovuto, nella maggior parte dei casi, alla Malattia di La Peyronie anche nota come Induratio Penis Plastica (IPP). La IPP è caratterizzata dalla presenza di una o più placche fibrose dure, localizzate lungo l’asta peniena, a livello dei corpi cavernosi. La placca, priva di elasticità per la sua natura cicatriziale, provoca durante l’erezione l’incurvamento a causa della anomala distensione del pene.

L’età media di insorgenza della malattia è tra i 50 e i 60 anni, anche se è possibile osservarla in epoca molto più giovanile. Si riscontra più frequentemente in pazienti affetti da diabete mellito, aterosclerosi, ipertensione arteriosa, Malattia di Dupuytren (retrazione fibrotica dei tendini della mano) o in pazienti che riferiscono macro o microtraumi penieni ripetuti, coitali o occasionali (ad es. sellino e manubrio di bicicletta)

INCURVAMENTO_PENE_2Che disturbi comporta? I disturbi correlati all’incurvamento penieno congenito variano principalmente in base all’angolo di curvatura: se è lieve (inferiore a 30°) il difetto può essere considerato solo come un fastidioso inestetismo che non pregiudica la penetrazione; nelle forme più severe può rendere più o meno difficoltosa la penetrazione vaginale sino a renderla talvolta impossibile, con pesanti ripercussioni sulla sfera sessuale del paziente. Tipicamente non provoca dolore in erezione ed è presente già nel prepubere anche se il problema diventa manifesto con lo sviluppo fisico.

Diversamente, l’incurvamento penieno acquisito inizia generalmente con dolore al pene durante l’erezione (fase acuta della malattia) che dura dai 4 ai 6 mesi, associato alla comparsa di un nodulo palpabile o più lungo l’asta. La malattia può progredire sino a provocare deviazioni tali da impedire la penetrazione.

Può seguire la comparsa di disfunzione erettile (impotenza erigendi) dovuta sia alle ripercussioni psicologiche dell’incurvamento sia al reale danno organico delle strutture neuro-vascolari peniene. In alcuni pazienti si può manifestare difficoltà alla minzione.

Come si diagnostica? Alla visita andrologica e/o urologica, uno scrupoloso esame obiettivo (mediante palpazione della superficie del pene rilassato) può già evidenziare eventuali placche di grandezza e durezza variabile. Qualunque sia la causa dell’incurvamento penieno, l’iter diagnostico comprende un autofotografia da parte del paziente ed un Ecocolordoppler Penieno basale e dinamico, cioè dopo erezione farmacologicamente indotta da farmaci vasoattivi, per valutare la gravità dell’incurvamento e l’integrità delle strutture del pene.

Che cosa si consiglia? Sarà compito dello specialista andrologo/urologo valutare la migliore scelta terapeutica considerando l’entità del problema, le sue cause e le eventuali patologie associate.

 

 

Altri Articoli - Andrologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI