Protesi del pene, una valida ma costosa soluzione

 
E-mail Stampa

La Disfunzione erettile è l’incapacità di raggiungere un'erezione atta consentire un rapporto che porti alla reciproca soddisfazione di entrambi i partner. Ormai è un problema che affligge la nostra società. In Italia gli uomini che ne soffrono sono circa 4 milioni. Tante sono le terapie per questa patologia, sia mediche che chirurgiche.

Nella quotidianità terapeutica l’approccio al paziente è per gradi, si comincia prima con terapie farmacologiche (Cialis, Viagra, Levitra), si passa poi ad iniezioni intracavernose di farmaci che stimolano l’erezione (prostaglandine), e infine se tutto questo non ha dato i risultati attesi, l’ultima opzione è il posizionamento di una protesi del pene.

Ne esistono sostanzialmente di 2 tipi: malleabile, e gonfiabile o tri-componente. La prima è un tipo di protesi che conferisce una rigidità costante a chi la usa ed è chirurgicamente più semplice da posizionare (l’intervento dura all’incirca 35 minuti), ma può non essere molto confortevole nell’uso quotidiano in quanto, avendo sempre il pene “eretto”, il posizionamento di esso all’interno di pantaloni o costumi un pochino più aderenti potrebbe generare delle situazioni di imbarazzo. Il secondo tipo di protesi invece è formata un meccanismo idraulico che permette al paziente di gonfiarla prima del rapporto dando al pene un'erezione che, anche se artificiale, è molto simile ad una naturale, e sgonfiarla dopo il rapporto ristabilendo le condizioni di naturale flaccidità. Chirurgicamente l’intervento è altrettanto semplice da eseguire, ma con tempi un po’ più lunghi (l’intervento dura circa un'ora) per via del fatto che devono essere correttamente posizionati tutti e tre i componenti (cilindri, pompa e reservoire).

Ovviamente “non è tutto oro quello che luccica”: ci sono degli aspetti che il paziente deve considerare al momento in cui prende la decisione di sottoporsi a questo tipo di intervento:

1) Una volta posizionata la protesi non si può tornare indietro, nel senso che con l’intervento il tessuto erettile viene sostituito dalla protesi, e quindi senza di essa non è più possibile portare il pene in erezione;

2) la vita di una protesi è al massimo di 12 anni, il che significa che si andrà in contro, qualora ce ne sia la necessità, all’intervento di sostituzione della stessa.

Infine un aspetto da non dimenticare è il costo: questi presidi sono molto costosi, e non sempre sono pagati dal Sistema Sanitario Nazionale, è quindi poi difficile poter eseguire questi tipi di interventi negli ospedali pubblici.

 

Altri Articoli - Andrologia

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
L'importanza di aumentare i rapporti sessuali nell'infertilità anche nel corso delle terapie.
riprova
Corso del Prof. Claudio Manna "Come gestire la Coppia Infertile e collaborare con un Centro PMA" svoltosi a Roma, 21 dicembre 2012
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI