Tumore del pene, un nemico insidioso da non sottovalutare

 
E-mail Stampa PDF

cancroIl tumore del pene è una patologia per fortuna rara, ma molto invasiva, che nasce dalla trasformazione maligna delle cellule epiteliali della cute del pene. Non abbiamo una vera e propria sintomatologia che lo caratterizza. Tuttavia possono apparire noduli, aree di arrossamento (che non regrediscono con l’uso di antibiotici o cortisonici) dolore o prurito, raramente sanguinamento, o in casi di tumore più avanzato masse palpabili a livello inguinale. Il glande e il prepuzio sono le sedi più comuni.

Non è semplice determinare tutti i possibili fattori che concorrono allo sviluppo di questo tumore. Diversi studi hanno individuato alcune cause legate alle abitudini igieniche a malattie sessualmente trasmesse, a malattie come la balanite di Zoon o la Balanite Xerotica Obliterante (BXO) ed alcuni fattori predisponenti di tipo non ereditario.

L’ incidenza è maggiore tra la popolazione anziana, mentre nei paesi dove la circoncisione è una procedura che si effettua a tutti i bambini questa è pari quasi a zero.

Non avendo una sintomatologia definita, nell’approccio al paziente deve essere effettuato un attento esame clinico in grado di rilevare dimensioni, localizzazione, mobilità, grado di infiltrazione e coinvolgimento dei corpi cavernosi da parte del tumore primitivo. Non sempre però solo con la clinica ci si riesce. Esistono poi diverse indagini strumentali che pene-cancropossono aiutare nel percorso diagnostico come la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (RM) e l’ecografia. Da recenti lavori però ormai la RM è considerata come l’imaging più adatto per la valutazione di questa malattia.

Nonostante tutti questi mezzi, il rischio di errori diagnostici che possono verificarsi sia con l’esame clinico sia con le metodiche radiologiche rimane comunque alto. Molti specialisti preferiscono un approccio chirurgico, dapprima per lo studio istologico delle lesioni del prepuzio o del glande nei casi in cui il tumore appare più superficiale, poi con interventi più importanti nei casi in cui risulta essere invasione locale, e infine per la valutazione dei linfonodi inguinali che sono la sede principale di metastasi linfonodali.

Dunque la prima scelta terapeutica è chirurgica, con l’asportazione della zona del pene con il tumore, o in casi più gravi con l’asportazione totale del pene e dei linfonodi della regione inguinale.

 

Altri Articoli - Andrologia

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI