E' giusto brevettare le cellule staminali embrionali?

 
E-mail Stampa

staminali-embrionaliSecondo l’Ufficio Europeo Brevetti (EPO) non si possono brevettare le cellule staminali provenienti dagli embrioni di primati, uomo incluso. Infatti, l'EPO ha rigettato la richiesta del Wisconsin Research Alumni Fund (WARF) di brevettare queste cellule. Non ha considerato proprietà intellettuale il materiale derivato direttamente dall’embrione umano. Il fatto segna una profonda differenza con l’atteggiamento opposto tenuto da altri Uffici Brevetti internazionali compreso quello americano ed in particolare l’USPO ( United States Patent and Trademark Office).

In realtà le cellule staminali embrionali umane (o hES) pongono certamente problemi etici relativi all’embrione, considerato da parte dell'opinione pubblica  vita umana che non può essere ridotto ad "oggetto". L’enorme sviluppo delle biotecnologie ha creato notevolissime pressioni economiche di brevettabilità in questo settore compresa la Medicina Rigenerativa di cui la tecnologia delle cellule staminali fa parte .

Vediamo però come stanno oggi le cose sul piano della tecnologia e nelle prospettive possibili della ricerca in questo settore. Conseguenze bioetiche sostenibili paiono infatti profilarsi da alcune recenti osservazioni. E’ da tener presente anzitutto che le cellule pluripotenti dell’embrione non possono ricostituire un corpo umano intero ma possono però essere utilizzate per la gran parte degli scopi della medicina per cui le staminali hanno destato interesse

staminali-graficoRecenti avanzamenti nella biologia cellulare hanno reso possibile generare cellule staminali pluripotenti di tipo simili a quelle embrionali ( ES like) con metodi diversi da quelli descritti da Thompson per le staminali dei primati.Tra essi quelli di ottenere le ESlike da embrioni che si sono arrestati nello sviluppo e non sono più vitali (Zhang,2006) . Altro sistema è l’accesso a staminali umane da una sola cellula presa dall’embrione senza che questo rischi nulla (Klimanskaya,2006). Inoltre è stato creato materiale multipotente con la fusione di cellule somatiche ed embrionali (Cowan,2005). Altre tecniche recenti poi non coinvolgono affatto gli embrioni. Cellule pluripotenti umane sono state infatti estratte dal sangue del cordone ombelicale ( Zhao,2006) e dal liquido amniotico (De Coppi,2007). Forse però l’avanzamento più promettente è stato quello per cui si possono indurre cellule pluripotenti mediante la riprogrammazione (il dna non si esprime più in modo differenziato) e lo sdifferenziamento (perdita di specializzazione) di cellule somatiche umane(Takahashi, Wernig, Yu 2007) : iPS. Queste scoperte sfidano la definizione di materiale embrionale per l’applicazione delle leggi di brevettabilità fino a quel momento definite sia dall’EPO che dal WARF . In particolare la non brevettabilità sancita dall’EPO non può estendersi alle iPS o alle staminali umane che non comportano la distruzione di embrioni.

Appare evidente come la ricerca abbia in sé stessa le risorse per trovare soluzioni a seri problemi di tipo bioetico e di questo fatto la comunità scientifica e le autorità politiche ( ma anchè l’opinione pubblica) farebbero bene ad essere maggiormente consapevoli.

 

 

 

Altri Articoli - Coppia e Società

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI