Culle vuote, le nascite continuano a diminuire

 
E-mail Stampa

culla_vuotaDa recenti dati Istat risulta che nel 2010 il numero di parti in Italia si è fortemente ridotto rispetto al 2009, fino a raggiungere i livelli del 2005, un anno profondamente improduttivo dal punto di vista delle nascite.

La fecondità è in lieve diminuzione (1,4 figli per donna), e le nascite da madre italiana registrano un calo di oltre 13mila unità rispetto al 2009. Se è vero che quasi tutte le province italiane presentano una riduzione delle nascite, il fenomeno colpisce in particolar modo regioni demograficamente già depresse o a più forte invecchiamento, come la Liguria (-0,69%), la Basilicata (-0,48%) e il Molise (-0,41%).

Alcune aree territoriali, in controtendenza, hanno registrato addirittura un aumento della popolazione italiana: +0,32% in Trentino-Alto Adige, +0,03% in Lombardia e +0,11% nel Lazio. Queste ultime due regioni sono caratterizzate da una forte immigrazione interna, mentre, nel caso del Trentino-Alto Adige, un ulteriore fattore di incremento demografico è il saldo positivo tra nascite e decessi di italiani.

Contestualmente, il contributo alla percentuale delle nascite da parte di cittadine straniere residenti in Italia è in regolare aumento. Le stime Istat certificano che nel 2010 oltre 104 mila neonati (18,8% del totale), siano figli di madre straniera (erano 35mila nel 2000, pari al 6,4%) e padre italiano nel 4,8% dei casi, e di madre e padre stranieri nel restante 14% dei casi. In particolare, in regioni quali l’Emilia-Romagna, la Lombardia e il Veneto, oltre una nascita su quattro proviene da una coppia straniera o da una coppia con madre straniera e padre italiano.

Per quanto riguarda l’assetto demografico nazionale multietnico, la popolazione residente straniera costituisce il 7,5% del totale (era il 7% a fine 2009). La comunità straniera più numerosa è quella romena, seguita dalla comunità albanese e da quella marocchina. Tra i paesi asiatici la comunità cinese è la più nutrita, mentre la prima comunità tra i paesi sub-sahariani è quella senegalese. I cittadini di origini americane più presenti in Italia sono i peruviani.

Al di là delle differenti origini della popolazione, da cui consegue l’incontro e la coesistenza di diverse culture, un altro dato rilevante nell’analisi della società è l’aspettativa di vita della cittadinanza italiana, che ha compiuto ulteriori progressi, fino a raggiungere in media 79,1 anni per gli uomini e 84,3 anni per le donne.

Nel corso degli ultimi 10 anni la percentuale di individui di 65 anni e oltre è aumentata dal 18,4% nel 2001 al 20,3% nel 2011, con un incremento di ben 1,8 milioni di individui per questa classe di età.

Dal 2001 al 2011, inoltre, la stima delle persone ultracentenarie è triplicata: dai circa 5mila e 400 individui over 100 censiti dieci anni fa, sono stati registrati oltre 16mila italiani più che centenari. Come conseguenza dell'aumento della popolazione anziana, l'età media della popolazione continua a crescere: da 41,7 anni nel 2001 a 43,5 nel 2011.

In conclusione, l’aumento della longevità dei cittadini, se non accompagnata da un’inversione della tendenza che vede diminuite le nascite, lascia quasi presagire un mancato ricambio di risorse umane.

Non basta il contributo degli immigrati a far aumentare le nascite di cittadini italiani, e neppure il trend positivo registrato in zone esemplari come il Trentino-Alto Adige: a dispetto della crisi e di qualunque altro freno gli italiani si siano posti, sarebbe auspicabile che il “ricambio” della popolazione continuasse il suo corso e che la famiglia ricominciasse ad essere considerata la cellula fondamentale della società.

 

Altri Articoli - Coppia e Società

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI