Famiglia, ultimo baluardo del welfare state

 
E-mail Stampa

bamboccioniDove lo stato non arriva, ci pensa la famiglia. Di fronte alla crisi economica e alle difficoltà nel mondo del lavoro, i genitori e i parenti divengono l'unico ammortizzatore sociale.

Un recente studio della Banca d'Italia fotografa un modello sociale efficace ma allo stesso tempo ricco di contraddizioni. Se da una parte la famiglia italiana riesce a fare bene e meglio rispetto a quelle di altri paesi nell'affrontare gli effetti della crisi, dall'altra emerge un modello non equo che può provocare non poche distorsioni sociali. Affidare al nucleo familiare un ruolo sostitutivo al welfare state, significa in primo luogo dire che non tutti possono godere dello stesso livello di protezione, in base al reddito familiare.

Dallo studio di Bankitalia, risulta che a pagare maggiormente la crisi sono stati i più giovani. Tra il 2008 e il 2009 il tasso di occupazione per la popolazione attiva è calato dell'1,2%. Ma se andiamo ad analizzare i dati all'interno di ogni singola famiglia, emerge che questa flessione è ascrivibile per il 75% ai figli e solo il 25% ai genitori, “nonostante i figli rappresentino circa un quinto del totale degli occupati”, come spiega il rapporto di via Nazionale”. La crisi, quindi, ha colpito maggiormente i giovani che vivono nella famiglia d'origine, mentre i padri sono stati meno toccati. “Tali risultati – spiega il rapporto – riflettono non solo la maggiore incidenza di contratti di tipo precario tra i giovani, ma anche un sistema di protezione del lavoro che favorisce chi ha contratti di lavoro più stabili”, soprattutto nel settore industriale che oggi risulta maggiormente segmentato sotto il profilo generazionale.

A causa della crisi, la contrazione del mercato del lavoro non ha avuto tanto come conseguenza un numero più elevato di licenziamenti, quanto piuttosto il mancato rinnovo di contratti a progetto o a tempo determinato, come anche la contrazione delle assunzioni a tempo indeterminato. Di conseguenza la disoccupazione ricade sulle spalle dei giovani.

Così non ci sono i soldi per vivere da soli e la famiglia resta l'unica ancora di salvezza. Ma allo stesso tempo rischia di trasformarsi in una vera e propria “gabbia generazionale”: “La maggior dipendenza dalla famiglia d'origine limita la capacità dei giovani di perseguire progetti di vita autonomi, la loro partecipazione economica e sociale, la loro propensione ad abbandonare la condizione di 'figlio' e assumere il ruolo di genitore”, spiega il rapporto di Bankitalia. “Questi sono costi per i singoli e per la collettività che nessuno ha ammortizzato”.

 

 

Altri Articoli - Coppia e Società

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI