Ocse: "In Italia pochi figli e più poveri"

 
E-mail Stampa

Carenza di politiche per l'infanzia e per la famiglia accentuano il basso tasso di natalità e il maggior rischio di povertà infantile

difficolta_debitiUn'Italia in crisi. Basso tasso di natalità e alto rischio di povertà infantile. E' questa la condizione dell'Italia secondo l'Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) che ha analizzato per la prima volta la condizione delle famiglie in 34 Paesi membri dell'Organizzazione. l'Italia è al di sotto della media Ocse rispetto al tasso di fertilità e e ben al di sopra rispetto a quello di povertà infantile. A questi due parametri si aggiunge (e in un certo modo ne è correlato) il basso tasso di occupazione femminile.

Difficoltà a conciliare lavoro e famiglia. È questo il punto cruciale che incide sull'occupazione delle donne che spesso devono scegliere tra un posto di lavoro e un figlio. I dati non sono allarmanti ma certamente dimostrano che qualcosa non funziona. Infatti, l'occupazione femminile è al 48%, contro una media Ocse del 59%. Di conseguenza, di fronte all'impossibilità o alla difficoltà di conciliare impiego e famiglia, i giovani spostano in avanti sempre più l'età in cui decidono di avere un figlio, così avanti che le probabilità si riducono notevolmente. Anche per questo motivo il tasso di fecondità è basso. Circa il 24% delle donne italiane nate nel 1965 non ha avuto figli, contro il 10% della Francia.

Un circolo vizioso dal quale è difficile uscire. D'altro canto la (buona) occupazione di entrambi i genitori è il presupposto fondamentale per evitare il rischio di povertà infantile, visti i costi elevati che gli stessi genitori devono affrontare dal momento della nascita in poi. Il 15% dei bambini italiani è povero mentre il rischio di cadere sotto la soglia di povertà per un'altra fascia della popolazione è più alto (19%), soprattutto in quelle famiglie colpite dai licenziamenti determinati dalla crisi economica. Inoltre, secondo le stime Ocse, il 22% dei bambini di famiglie monoreddito vive in condizioni di indigenza, contro una media Ocse del 17%.

 

Un ruolo importante lo gioca anche la flessibilità degli orari di lavoro. Meno del 50% delle imprese con 10 o più dipendenti offre flessibilità ai propri dipendenti. A questo si aggiungono i tagli che hanno colpito l'istruzione. Chiusi molti pre e dopo scuola. Diventa quindi difficile per i genitori avere un lavoro a tempo pieno. L'alternativa è spesso un lavoro part-time, scelto dal 31% delle donne e dal 7% degli uomini.

Secondo l'Organizzazione internazionale è necessario rafforzare le politiche per l'infanzia e per il lavoro, soprattutto rimuovendo gli ostacoli all'occupazione femminile per colmare il gap con gli altri paesi. È un problema di risorse. Lo Stato italiano spende circa il 1,4% del Pil per politiche sociali rivolte all'infanzia, mentre nei paesi Ocse in media viene destinato il 2,2% del Pil.

 

Altri Articoli - Coppia e Società

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI