India: dare centralità alla donna nelle politiche demografiche

 
E-mail Stampa

donne-indianeAnche l'India, dopo la Cina, sta mettendo appunto il nuovo censimento. Un momento importante per il secondo paese più popoloso del mondo per valutare l'efficacia delle proprie politiche demografiche. Per la prima volta dopo 80 anni, l'India conterà la sua popolazione in base alla divisione per caste. Dopo mesi di accese diatribe politiche, lo scorso 9 settembre il governo ha deciso di includere anche la complessa struttura castale nel censimento della popolazione 2011. Secondo quando riportano i media indiani, l'operazione sarà effettuata tra il giugno e il settembre del prossimo anno e sarà "separata" dal resto del conteggio.

In India, dove ormai da decenni gli elementi di modernizzazione stanno cambiando la società, retaggi culturali rappresentano un serio ostacolo allo sviluppo di politiche di controllo delle nascite che vedano la donna come fulcro. In un paese come l'India le antiche tradizioni hanno giocato e giocano un ruolo decisivo nella scelta della politica demografica.

Il governo indiano ha spesso scelto di fronteggiare l'aumento della popolazione attraverso azioni spesso coercitive. Ciò, ovviamente, non ha favorito la promozione della condizione femminile. Le donne sono rimaste senza potere decisionale e politico. Anzi, il sesso “debole” è divenuto addirittura bersaglio più che fulcro delle politiche demografiche. Nella seconda metà degli anni settanta le donne indiane sono state sottoposte ad un programma di sterilizzazione forzata, mentre ancora oggi i governi locali spingono per ridurre la fecondità, senza che questi interventi garantiscano una democrazia di genere.

Il programma di controllo della fecondità inserito nel primo piano quinquennale del 1951 non portò ad alcun risultato concreto. Nel 1971, di fronte ai dati prodotti dal censimento, le politiche demografiche del gigante asiatico entrarono seriamente in crisi. La popolazione continuava a crescere con un tasso di oltre il 2% annuo. Così fu modificata la Costituzione per portare sotto il controllo del governo centrale la politica demografica nella quale furono introdotti “alcuni elementi di obbligatorietà”, come spiegò il ministro della Sanità nel 1975.

Si avviò, di conseguenza, una campagna di sterilizzazione che provocò non poche reazioni popolari. Solo con le elezioni nazionali del 1977 questa politica di controllo della fecondità conobbe una battuta d'arresto. Da quel momento i vari governi che si sono succeduti, per paura dell'impopolarità, hanno seguito una linea politica di basso profilo sul tema demografico. Inoltre, le differenze religiose, culturali e politiche delle varie aree dell'India hanno rappresentato un vero e proprio ostacolo ad interventi più incisivi ma meno brutali. In particolare, il sistema delle caste e le differenze religiose hanno avuto un peso maggiore. Le differenze sfumano solo dove il progresso socio-economico ha dato i maggiori frutti. Nelle regioni del nord, più povere e culturalmente conservatrici, prevale la struttura patriarcale. Dove invece la condizione della donna è migliore sul piano culturale, la vecchia struttura familiare sfuma ed il numero dei figli per donna è sensibilmente inferiore.

 

 

Altri Articoli - Coppia e Società

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI