Natività e natalità, la crisi demografica italiana e la crescita nel mondo

 
E-mail Stampa

Guido_Reni_Adorazione_dej_pastori_141Scarsa fiducia nel futuro o forse anche un cambio nei costumi riproduttivi. L'Italia vive un declino demografico, compensato solo dall'arrivo di migranti. Soprattutto nel nostro Paese sono scarsi gli incentivi economici per creare la famiglia, non sostenendo le famiglie con numerosi figli, o che desiderano averne, ma non se li possono permettere. Nel giorno della Natività, Vitachenasce vuole ricordare quanti problemi economici e culturali deve affrontare la coppia che vuole avere un figlio.

Italia vs. Europa. Secondo i demografi, le cause sono diverse: dalla crisi della famiglia ai matrimoni in età avanzata, dalla permanenza eccessiva dei figli nella famiglia d'origine alla difficoltà di ogni genere per mettere al mondo più di un figlio. Se esistono problematiche culturali a cui è molto difficile mettere mano, è possibile certamente intervenire sotto il profilo economico ed assistenziale anche se con difficoltà legate alla ridistribuzione delle già scarse risorse di welfare.

Da quanto abbiamo detto, sembra inevitabile che per i prossimi due decenni l’Italia dovrà accogliere ogni anno quasi 300mila immigrati in età tra i 20 e i 59 anni per fare in modo di mantenere in pareggio la bilancia demografica. Ma l'immigrazione non può essere l'unica soluzione. Anzitutto il nostro Paese, per risollevare sensibilmente la natalità, dovrebbe dedicare maggiori risorse alla famiglia, alla quale nel 2009 è stato destinato solo l’1,4 per cento del Pil tra gli ultimi posti in Europa (2,1%). L’Italia spende per la famiglia poco più della metà della Francia (2,8), che ha una popolazione di poco superiore a quella italiana. I paesi nordici, invece, sono al top per la spesa: Danimarca e Svezia guidano la classifica con più del 3,0% del Pil. Oltre alla creazione di asili nido, anche gli assegni familiari sembrano ottenere buoni risultati. In Francia, per esempio, stanno riscuotendo effetti demografici positivi.

Demografia nel mondo. L’evoluzione demografica della popolazione mondiale ha seguito due strade molto diverse. Alla fine del secolo scorso gran parte del mondo sviluppato si trovava (e si trova tutt'ora) nella fase della cosiddetta seconda transizione demografica, con un livello di crescita pari a zero. I livelli di fecondità sono bassi e ben al di sotto di 2,1 figli per donna, cioè al di sotto di quel numero “magico” che assicura il ricambio in equilibrio. Inoltre, la speranza di vita, è alta e tende ad aumentare ancora. Questa situazione negativa viene, però, contrastata dall'arrivo di migranti. La combinazione di tutti questi tre fenomeni porta ad una sostanziale stabilità della popolazione, con una tendenza alla diminuzione nel medio e lungo periodo e un sostanziale invecchiamento della popolazione. Ma nei paesi meno sviluppati i tassi di crescita della popolazione, in precedenza bassi, stanno ora aumentando dal momento in cui condizioni igienico-sanitarie stanno riducendo il tasso di mortalità (soprattutto quella nel primo anno di vita) mentre i tassi di natalità non sono contemporaneamente diminuiti.

In India, ad esempio, le nascite e le morti ammontavano nel 1941 entrambe al 4,5%. Dopo 50 anni il tasso di natalità è sceso al 2,9% mentre il tasso di mortalità è crollato allo 0,9%. Così, attualmente la popolazione continua ad aumentare del 2% annuo. Paradossalmente, una buona fetta della letteratura demografica ritiene che l’applicazione di condizioni igienico-sanitarie con standard occidentali in società povere con bassi livelli di crescita ha avuto conseguenze negative per il loro sviluppo.

 

Altri Articoli - Coppia e Società

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI