Congelare gli ovociti, più disponibilità da parte delle donne in carriera

 
E-mail Stampa

donna_valigiaRinunciare alla carriera per un figlio? Sempre più donne pongono la propria realizzazione professionale davanti alla maternità, anche se con dispiacere. È forte il desiderio di preservare la propria fertilità nel tempo, per dare alla luce un figlio quando si è raggiunta una certa stabilità economica. Ma poche donne sono a conoscenza della possibilità di congelare i propri ovociti, consentendo di rimanere incinte anche in età avanzata.

Srilatha Gorthi, ricercatrice presso il Centro di Medicina Riproduttiva di Leeds, nel Regno Unito, ha condotto uno studio, presentato il 28 giugno presso il Convegno dell'Eshre a Roma, sull'atteggiamento delle donne nei confronti del “social freezing degli ovociti”. La Gorthi ha intervistato 98 studentesse di medicina e 97 di pedagogia e scienze motorie dell'Università di Leeds. Le ragazze intervistate hanno ricevuto prima informazioni riguardanti il congelamento degli ovociti, compreso il fatto che avrebbero dovuto finanziarlo in proprio. Il 63% delle studentesse di medicina non aveva una relazione rispetto al 25,8% del gruppo B, cioè di quello composto da future pedagoghe e sportive. Questo rapporto, secondo la Gorthi, rispecchia probabilmente il livello di impegno dei corsi universitari seguiti.

Se le studentesse di medicina non hanno tempo per la vita privata, sono anche più disponibili rispetto alle altre ad ipotizzare di congelare i propri ovociti, anche in prospettiva di una carriera che richiede lunghi periodi di gavetta. Mentre il 49,5% del gruppo B ha dichiarato di essere disponibile a ritardare il momento in cui avere figli, ben l'85,7% delle future dottoresse, ha detto di prendere in considerazione questa ipotesi. Addirittura, l'85,3% del gruppo A è disponibile a subire fino a 3 cicli di prelievi ovocitari per depositare un numero di ovuli sufficiente a offrire una possibilità realistica di gravidanza.

“Nel gruppo A, le considerazioni di carattere professionale erano indicate come il motivo più comune per ritardare il momento per mettere su famiglia, seguito dalla stabilità finanziaria e da una relazione stabile”, spiega la ricercatrice britannica.

Il congelamento degli ovociti è una tecnica relativamente nuova. Fino a pochi anni fa, il congelamento degli ovociti era in gran parte limitato alle donne che si dovevano sottoporre a chemioterapia. Ora, grazie a nuove tecniche come la vitrificazione, gli ovuli congelati hanno la stessa qualità di quelli freschi.

Vi è ancora molta disinformazione sull'età in cui le donne possono farsi una famiglia, sulla probabilità di successo del trattamento e del numero degli ovociti che devono essere prelevati”, spiega la Gorthi. “Le donne che vogliono sottoporsi a questa tecnica devono essere informate dei vantaggi e dei limiti della stessa per poter fare la scelta più adatta alle proprie esigenze, comprese quelle professionali”.

 

Altri Articoli - Coppia e Società

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI