Quoziente familiare, luci ed ombre di una scelta politica

 
E-mail Stampa

FamigliaIn occasione della riforma fiscale annunciata dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti, è tornato all'ordine del giorno il quoziente familiare. L'ipotesi preferita dai tecnici di via XX Settembre è di seguire il modello francese o tedesco, con la divisione del reddito per il numero dei componenti (a ciascuno dei quali verrebbe applicato un coefficiente diverso a seconda del numero dei figli) e l’applicazione delle aliquote che risulterebbero inferiori a quelle attuali sui redditi individuali.

Intanto a Roma parte la sperimentazione del quoziente familiare. L'aula Giulio Cesare, infatti, ha approvato all'unanimità la delibera di iniziativa consiliare presentata dal capogruppo dell'Udc, Alessandro Onorato. Il quoziente familiare non riguarderà solo famiglie di coppie sposate, ma anche su quelle composte da coppie di fatto. Inoltre, essendo riferito alla famiglia anagrafica (quella contenuta appunto nello stato di famiglia), il quoziente familiare potrà essere sperimentato anche su nuclei composti, ad esempio, da madre sola con figlio e da fratelli conviventi.

"Presto - ha spiegato Onorato - partirà il tavolo di concertazione con le associazioni familiari e le parti sociali con le quali verrà individuata una proposta condivisa per rimodulare in modo equo le tariffe e l'accesso ai servizi comunali. Si terrà conto di molti fattori che l'Isee ad oggi non considera, come la disoccupazione, la fonte reddituale, la presenza di disabili, minori o anziani a carico". L'obiettivo è ottenere tariffe più basse per famiglie numerose o in difficoltà (per esempio nel caso in cui vi sia la presenza di un portatore di handicap in famiglia).

Secondo Onorato, il quoziente familiare "è una grande opportunità per le famiglie romane che finalmente vedranno riconosciuto un sostegno concreto". Non particolarmente convinti, invece, alcuni esperti. L'economista Daniela Del Boca e la sociologa Chiara Saraceni accusano il metodo del quoziente familiare di danneggiare le donna all'interno della famiglia. Se l’imposta viene calcolata sul reddito familiare, “il meccanismo, – spiega Chiara Saraceni sul sito NelMerito.com – a parità di reddito complessivo, produce tanto più risparmio di imposta per l’unità familiare quanto più alto è lo squilibrio dei redditi percepiti da ciascun partner e massimo quando il reddito è percepito da uno solo dei due. Se è vero, quindi, che tiene conto sia del reddito complessivo che del numero complessivo di consumatori familiari, dà un premio alle famiglie monoreddito o a un reddito e mezzo. Viceversa – prosegue - di fatto non riconosce che guadagnare lo stesso reddito complessivo in due, anziché in uno solo, costa di più”.

 

Altri Articoli - Coppia e Società

"Un 'altro tentativo fallito, un altro dolore da soffocare..." - Il diario della Fecondazione Assistita 1

Le emozioni di una paziente che ha vissuto la sua infertilità "sine causa" o inspiegata e tutte le terapie fatte, compresi i tanti tentativi di inseminazione intrauterina, fivet, icsi.
riprova
IV Corso Medicina della Riproduzione-Roma, 27 Maggio 2014
IV Corso Medicina della Riproduzione "Infertilità Inspiegata"

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI