Adulterio e lapidazione nel mondo islamico

 
E-mail Stampa

lapidazioneUccisi a colpi di pietra, per lavare l’onta dell’adulterio. Della pratica della lapidazione – e in particolare del caso di Sakineh Mohammadi Ashtiani – in questi giorni si è parlato molto e spesso a sproposito. Da più parti, infatti, è stato detto che questa condanna è prevista dal Corano e fa parte della legge islamica. Nulla di più sbagliato. Se, infatti, è vero che, secondo la Sharia – la legge coranica – in alcuni casi (a seconda dei Paesi e dei giudici che la interpretano) può essere comminata la pena della morte per lapidazione, questa non è prevista dal Corano.

Secondo l’ultimo rapporto di Amnesty International, la lapidazione è legge in Paesi quali l’Arabia Saudita, il Pakistan, il Sudan, la Nigeria, la Libia e la provincia di Aceh in Indonesia, dove è stata reintrodotta lo scorso anno. Non tutti, però, la applicano. Sono inoltre giunte notizie di singole esecuzioni per lapidazione dall’Afghanistan e dalla Somalia.

Cosa prevede il Corano

Nel caso dell’adulterio – più precisamente per la fornicazione – il Corano prevede la fustigazione. La lapidazione, invece, venne introdotta da uno dei compagni del profeta Maometto, il secondo califfo Umar. Secondo la Sunna – la tradizione islamica – i musulmani possono essere uccisi solo in tre casi: se cambiano religione, se commettono adulterio o un omicidio non giustificato. Anche in questo caso, però, non si parla in modo esplicito di lapidazione.

A rendere particolarmente odioso, nel mondo musulmano, il “reato” di fornicazione o di adulterio è la concezione secondo cui la donna è portatrice dell’onore della famiglia. La possibilità che vengano generati figli “bastardi”, frutto di una relazione extraconiugale, dunque, da sempre rende la posizione della donna più fragile – in caso di giudizio – rispetto a quella dell’uomo (anch’egli punibile con la lapidazione). E non solo nel mondo musulmano. Basti pensare che, nelle prime versioni dei Vangeli non compariva l’episodio in cui Gesù perdona l’adultera poiché avrebbe ostacolato la diffusione del cristianesimo invece di agevolarla.

Il feto dormiente

Si tratta dunque di un fattore culturale che va ben al di là della componente religiosa e rientra nell’ambito non codificato dei delitti d’onore che, soprattutto nelle periferie del mondo, vengono “vendicati” in modo diverso a seconda dei Paesi e delle usanze. Il Corano, ad esempio, dice che per accusare qualcuno di adulterio sono necessari quattro testimoni oculari, una circostanza che difficilmente si può realizzare. Nei casi di donne rimaste incinte dopo la morte del marito, inoltre, nel mondo islamico venne creata la categoria del “feto dormiente”: per salvarle dalla lapidazione si disse che il bambino era stato concepito prima della morte del marito ma si era addormentato ed era nato solo dopo la morte del compagno.

Manca una codificazione universale

Un ultimo dato, ma non per questo meno importante: nel mondo islamico manca una codificazione unica e universale della legge coranica. Non esiste un codice valido per tutti i Paesi musulmani, anche perché non esiste un clero che possa rendere uniforme la codificazione. Questo porta ad interpretazioni di uno stesso fatto, spesso diverse le une dalle altre. E accade allora che un regime come l’Iran sia intenzionato ad applicare la pena della lapidazione, mentre in un altro Paese musulmano come l’Egitto una simile esecuzione creerebbe un generale moto di sdegno nell’opinione pubblica.

 

Altri Articoli - Coppia e Società

Blastocisti e PGs sempre buone tecniche?

Quanti embrioni arrivano dopo 5 giorni di coltura a blastocisti? Si calcola circa il 50% da un recente lavoro scientifico su queste tecniche con una percentuale di gravidanze cliniche del 14% per Pick-Up. I nostri risultati (Centro Biofertility 2016) senza coltura a blastocisti o PGs ci hanno mostrato un tasso di gravidanze clinico del 32% per Pick-Up
riprova

Ci sono dei rischi nella somministrazione di antiossidanti?

Intervista a Prof. Lamberto Coppola (Andrologo) e Prof. Claudio Manna (Ginecologo)

riprova

“Sembra una stella cadente….!”

embriotransfer scritta
Prof.Claudio Manna

News

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. ABORTO SPONTANEO RICORRENTE: SI SCOPRE UNA CORRELAZIONE CON IL FATTORE VEGF. Il fattore di crescita dell’endotelio o VEGF è una proteina coinvolta nella formazione di ...
I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE I GRASSI SATURI DANNEGGIANO LA QUALITA' DEL LIQUIDO SEMINALE Secondo uno studio pubblicato sull’ American Journal of Clinical Nutrition, quantità ecc...
SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? SINDROME DI DOWN E CURA: PARE SIA DAVVERO POSSIBILE? Nell'uomo vi sono 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di...
IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA IL PERIODO DI VITA FERTILE DI UNA DONNA DIPENDE DALL’ETA’ DELLA MADRE AL MOMENTO DELLA MENOPAUSA Uno studio pubblicato su Human Reproduction da un gruppo di ricercatori guidati da Janne B...
Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Harmony test: la nuova frontiera dell'analisi prenatale Si chiama Harmony il nuovo test prenatale che si sta pian piano sostituendo alla famosa am...
LEGGE 40: DAL 2009 E’ TUTTO PIU’ LECITO. Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti ...
Carne bianca o carne rossa? Quelle più “pallide” fanno meglio! Le recenti Linee Guida del Ministero della Salute per un’alimentazione bilanciata raccoman...
"L’uomo è ciò che mangia": da Feuerbach alla Nutrigenomica Che il cibo fosse correlato allo stato di salute è evidentissimo, ma questa ipotesi è stat...
RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE RISCHI E PREVENZIONE NELL'INFERTILITA' DA FATTORE MASCHILE L’infertilità di coppia rappresenta un importante problema sociale e sanitario che coinvo...
L’ANDROPAUSA NON ESISTE MA LA QUALITA’ DEL LIQUIDO NON E’ SEMPRE LA STESSA! Un uomo, a differenza di una donna, non ha un tempo limitato per procreare ecco perché una...
Voglio un bimbo! Qual è il periodo giusto per provarci? Il periodo fertile varia da donna a donna in rapporto alla durata del ciclo mestruale ma, ...
IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! IL BISFENOLO A NEI CONTENITORI ALIMENTARI METTE KO LA FERTILITA’! Il bisfenolo A, conosciuto anche come BPA, è il composto organico più utilizzato nella pro...
 Associazione Fertilità onlus
CENTRO MEDICO BIOLOGICO TECNOMED
ASS.A.I. - ASSOCIAZIONE ANDROLOGI ITALIANI